Il progetto, nato al Cairo, è già approdato in Italia, a Milano, nel quartiere Adriano, periferia nord-est della città.

Una “Gelateria sociale” anche a Napoli. Dopo Milano, nel capoluogo partenopeo sarà replicata un’esperienza nata in Egitto e in Giordania, più di due anni fa. Nel rione Sanità, inaugurata oggi la gelateria il cui obiettivo è creare posti di lavoro e valorizzare, una volta di più, il territorio, ‘costruendo’ un laboratorio strutturato attorno al tema della composizione di un gelato di qualità. Il valore sociale del progetto consiste nella realizzazione di un laboratorio di formazione e lavoro pienamente inserito nel ‘meccanismo di infrastrutturazione’ sociale ed economica e della ‘cultura del dono’, promosso dalla Fondazione di Comunità San Gennaro in questi anni al Rione Sanità.

Un modo per continuare la promozione del rione Sanità, generare nuove opportunità per l’attivazione di tirocini formativi e di inserimento/reinserimento lavorativo dei giovani o degli adulti, disabili/svantaggiati, creare occasioni per la valorizzazione dell’artigianato locale, il supporto all’innovazione sociale, coniugando la produzione di eccellenza con l’impatto sociale dell’attività artigianale.

Tre gli enti finanziatori: Fondazione Terzo Pilastro, Fondazione San Gennaro e Fondazione Haiku. Mentre il soggetto attuatori del progetto è Officina dei talenti Onlus, partner della gelateria sociale del rione Sanità la OnlusAmici Casa della Carità. Il progetto nasce al Cairo nel 2015 ed è proseguito nella striscia di Gaza a maggio 2018.

Nel frattempo, nel 2017, il progetto è approdato in Italia, a Milano, nel quartiere Adriano, periferia nord-est della città.