Una ammenda da duemila euro.

Ammonito nella partita di sabato scorso contro il Lecce, l’attaccante del Calcio Napoli Arkadiusz Milik è stato sanzionato dal giudice sportivo di serie A con una ammenda di duemila euro per comportamento non regolamentare in campo “per aver simulato di essere stato sottoposto ad un intervento falloso in area di rigore avversaria”, scrive il giudice sportivo.

L’episodio aveva scatenato la rabbia del Napoli contro l’arbitro dell’incontro, Giua di Olbia, per non aver rivisto l’episodio con la Var. Secondo le immagini tv, infatti, l’attaccante azzurro non ha simulato, ma subito un fallo in area. Episodio che, forse, avrebbe anche cambiato il corso del match.