Lo stadio San Paolo di Napoli


Martedì 17 settembre alle ore 21 il Napoli ospita il Liverpool per la prima di Champions League. Un match che sarà seguito in trasferta come sempre da un buon numero di supporters dei Reds, a cui il club ha dato qualche consiglio per muoversi in città.

“A tutti i tifosi che desiderano visitare le aree interne della città di Napoli è consigliato restare vigili ed essere consapevoli che potrebbero essere presi di mira per piccoli furti, rapine e aggressioni”.

“Ai tifosi è sconsigliato recarsi allo stadio con mezzi propri per la propria incolumità”.

Tanta la rabbia dei napoletani, e non è mancata la riposta del Movimento Neoborbonico,che ha chiesto una rettifica al club inglese del comunicato:

“Spettabile Liverpool Football Club, nel vostro comunicato sulla partita Napoli-Liverpool suggerite ai vostri supporter “che desiderano visitare le zone interne della città di Napoli di rimanere vigili ed essere consapevoli del fatto che potrebbero essere presi di mira per piccoli furti, rapine e aggressioni”.

“Il vostro Club è famoso per la correttezza e la tolleranza ma il vostro comunicato è sbagliato ed offende l’intera città di Napoli. Nelle statistiche sui reati in Italia, Napoli è al posto numero 23”.

“Nel 2018 nella vostra contea del Merseyside, ad esempio, c’è stato un incremento annuo di reati compiuti con coltello pari al 35%, secondo le statistiche ufficiali (circa 1231 reati) ma noi Napoletani, in occasione della prossima partita Liverpool-Napoli, non scriveremo per i nostri supporter comunicati offensivi e quasi razzisti”.

“Noi suggeriremo di visitare la bella Liverpool e di stare attenti come si deve stare attenti in tutte le metropoli del mondo. In attesa di rettifiche e scuse, cortesi saluti Prof. Gennaro De Crescenzo, Presidente Movimento Neoborbonico Napoli”.