domenica, Luglio 3, 2022
HomeCulturaNapoli, la graphic novel «Io non sono Islam» sarà presentata alla libreria...

Napoli, la graphic novel «Io non sono Islam» sarà presentata alla libreria Ubik il 6 novembre

“Io non sono Islam”, la graphic novel di Benedetta Argentieri e Sara Gironi Carnevale

di Francesca Iervolino

Mercoledì 6 novembre alle ore 18:00, presso la libreria Ubik di Napoli (Via Benedetto Croce), si svolgerà la presentazione del volume “Io non sono Islam”, la graphic novel di Benedetta Argentieri e Sara Gironi Carnevale che racconta la vera storia di Islam Mitat, dal sogno dell’occidente all’inferno della Sharia. Insieme all’autrice interverrà rete Jin Napoli. “In un momento così drammatico per le sorti di interi popoli, questo libro arriva, con incredibile tempestività, ad aprirci gli occhi su un mondo di cui sappiamo poco o nulla. Un racconto spietato e lucido di uomini e donne che confrontano la propria storia personale con la Storia, quella con la “esse” maiuscola. C’è chi prova a costruirsi un futuro diverso e viene travolto dalla follia, dalla brutalità dell’Isis e degli stati complici; c’è chi mette in gioco se stesso per consegnare al futuro un pezzetto di mondo diverso. Islam Mitat non ha mai perso la speranza di ricominciare, sostenuta ed aiutata dalle miliziane dello YPJ che oggi difendono un sogno dalla brutalità della guerra.” (Evento Facebook).

La Graphic Novel

Oujda, Marocco – Islam Mitat è una ragazza come tante. Ha 19 anni, crede nell’amore vero e coltiva un grande sogno: andare a vivere a Londra per studiare Fashion design. Suo padre è un poliziotto, sua madre fa la casalinga; sono musulmani, seguono le tradizioni, ma vivono la quotidianità in modo moderno. Nonostante ciò, non permetterebbero mai a loro figlia di partire in solitaria, alla volta di un paese straniero. Credono in lei e non vogliono reprimere le sue ambizioni, ma per lasciare il tetto famigliare Islam deve trovarsi un marito. Lei questo lo sa bene ed è su un sito di incontri online che scorge il suo futuro in Ahmed, un giovane afghano con cittadinanza inglese, attraente e con uno stile “occidentale” affine ai suoi gusti. Quello che però sembrava il primo passo verso il sogno si trasformerà nel principio di un incubo lungo tre anni, vissuti da prigioniera di ISIS e dei suoi aguzzini.

Leggi anche...

- Advertisement -