L'assessore Nino Daniele a Porta San Gennaro

di Giancarlo Tommasone

ad

A Napoli, a volte, è complicato anche rilasciare un’intervista. Ne sa qualcosa l’assessore Nino Daniele, che a Porta San Gennaro (area pedonale), ha dovuto letteralmente farsi da parte, per non essere investito da uno scooter che si trovava a transitare nel tratto di strada, in cui aveva dato appuntamento ai cronisti. L’occasione, nella giornata di ieri, era quella relativa all’annuncio della partenza dei lavori di restauro di un dipinto murale di Mattia Preti, risalente al XVII secolo.

Dal servizio di Videoinformazioni (a firma del collega Renato Cavallo) che ha sollevato il caso, è semplice comprendere la difficoltà che provano non solo il delegato alla Cultura di Palazzo San Giacomo, ma anche i turisti, il resto delle persone convenute per la conferenza stampa, e i passanti, a scansare i mezzi a due ruote.

Viavai di scooter
nel tratto di Porta San Gennaro
nonostante l’area sia pedonale

Il punto è che il tratto in questione dovrebbe essere off limits agli scooter, perché pedonale, delimitato da catene; per accedervi bisogna utilizzare lo scivolo per i disabili del marciapiede.

Non certo un bel messaggio di civiltà per Napoli, città dalla cultura immensa, ma purtroppo caratterizzata spesso, da comportamenti non in linea con il rispetto delle regole. Le immagini del video testimoniano un via vai di motorini, alcuni dei centauri non usano il casco. Immancabile il transito di uno scooter con in sella tre persone, tra cui un ragazzino. Si tratta di un must dell’oleografia moderna partenopea. Sul posto, si evince dalle immagini, non si registra la presenza di alcun vigile urbano ad accompagnare la delegazione del Comune per la conferenza. Non è dato sapere poi, se Daniele abbia (o meno) contattato immediatamente la polizia municipale, per spiegare quanto stava avvenendo sotto i propri occhi (quelli di un rappresentante del Comune), in una zona pedonale (area di elevato valore storico, artistico e architettonico), per richiedere un intervento. Si spera che la segnalazione dell’illecito perdurante a Porta San Gennaro sia comunque arrivata ai caschi bianchi. Si spera.