Luigi de Magistris

Le parole del sindaco anche sulla questione della Metro.

“Metro Napoli? Ci sono i controlli e questo e’ stato un obiettivo necessario”. Lo ha dichiarato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris durante la trasmissione “Barba e capelli” di Radio Crc. “Anm ha degli obiettivi molto chiari nel 2020, che deve raggiungere senza alcuna scusa – ha proseguito de Magistris – Io cerco di verificare tutto, lavoro 24 ore su 24, ma non posso fare l’amministratore di Anm. L’ingegnere Pascale si e’ caricato una croce e sta cercando di far bene il suo lavoro. Per quanto riguarda la metro, sono molto preoccupato. Non e’ solo un’ora di traffico, ma abbiamo congestionata la zona ospedaliera, quindi si influisce sulla sicurezza e sulla salute delle persone. Abbiamo fatto appello alla magistratura, di cui ne conosciamo professionalita’ e competenze, per riuscire a fare le verifiche il piu’ velocemente possibile. Dopo 15 giorni si pone il problema se e’ davvero necessario tenere ancora sequestrato il binario. Quel binario, per la citta’, e’ troppo importante. Spero che la Magistratura in questa settimana possa far riprendere la corsa consueta alla metropolitana”.

Leggi anche / Manca più di un miliardo, bilancio comunale da rifare e spettro default

Il sindaco ha poi parlato della situazione del bilancio del Comune: “Non viene bocciato il bilancio, ma una legge dello Stato, che era intervenuta per alleviare delle ingiustizie. Questa e’ l’opportunita’, per il Governo, di intervenire in modo piu’ robusto. Non so se devono prevalere i diritti o le geometrie. E’ un pensiero forte l’idea che debbano andare avanti i conti e non la salute delle persone. Questo e’ un tema che Napoli ha posto con forza al Parlamento”.

“Ci sono altri che non hanno questa sensibilita’ democratica e costituzionale – ha proseguito de Magistris – Vanno a dormire con i loro 8mila euro al mese, mentre un Paese crolla. Vuoto legislativo? Questa e’ una decisione pesante, non e’ un fulmine a ciel sereno. Lavoriamo su diverse direttrici: la prima e’ la piu’ scontata, e cioe’ sul fatto che il Parlamento intervenga. L’esperienza ci ha, pero’, insegnato a resistere da soli, quindi stiamo cercando di superare questa difficolta’. Il Comune di Napoli non andra’ in dissesto. Viviamo in un Paese in cui, invece di rendere la vita piu’ semplice a chi decide di amministrare in maniera limpida, ti ostacola in ogni modo La citta’ di Napoli non e’ al guinzaglio di nessuno, e questo, agli altri, da molto fastidio. Il comune di Napoli ha salvato da solo Anm. E’ l’unico comune in Italia che mette gli stessi soldi della Regione, e cioe’ 54 milioni di euro”, ha concluso de Magistris.