di Giancarlo Tommasone

Sono ore sempre più difficili per la città, le pistole sono tornate a fare fuoco in tre diverse zone di Napoli. Gli episodi si sono registrati a San Giovanni a Teduccio, ai Quartieri Spagnoli e in via Foria.

ad
Un omicidio consumato nel Bronx di San Giovanni a Teduccio

Per quanto riguarda le prime due vicende, sarebbero ascrivibili, rispettivamente, una alla ‘faida’ che imperversa tra Rinaldi e Mazzarella nella zona orientale; la seconda, alla lotta per il controllo degli affari legati alla droga, in atto nel centro storico. Episodio di chiaro stampo intimidatorio, connesso quindi al fenomeno del racket delle estorsioni, quello che è invece avvenuto in Via Foria, area considerata sotto il controllo del clan Contini. Allerta massima delle forze dell’ordine anche alle Case Nuove, in virtù pure di quanto si è registrato nei giorni scorsi, con la bomba carta fatta esplodere davanti all’abitazione di Pasquale Diffido. Secondo le risultanze investigative, la ‘ambasciata’ sarebbe stata recata ai Rinaldi (a cui Diffido – attualmente detenuto – è considerato vicino) da parte dei Mazzarella.

Tensione alta nella zona delle Case Nuove

Lo scontro è innescato da questioni di spaccio di stupefacenti e di gestione delle piazze. Alle Case Nuove viene segnalato da tempo un gruppo di emergenti, i cosiddetti ‘schizzati’, legati al ‘ramo’ dei Mazzarella di San Giorgio a Cremano. Tale gruppo vedrebbe tra i suoi componenti soggetti ritenuti molto pericolosi. Uno di questi, sempre da risultanze investigative, girerebbe non solo fornito del classico equipaggiamento (pistola e munizioni), ma è stato più volte segnalato con una bomba ananas, che porterebbe con sé per ogni evenienza. Uno che, sottolineano gli investigatori, per il modo in cui si è mosso finora, è già entrato nel mirino della cosca rivale.

Forze dell'ordine in azione nei Quartieri Spagnoli
Forze dell’ordine in azione nei Quartieri Spagnoli

Tornando alle ultimi tre sparatorie, sono avvenute nell’arco di soli 55 minuti. All’una meno un quarto di notte, a San Giovanni, in Via Ravello, nella roccaforte dei Rinaldi, ignoti hanno esploso numerosi colpi calibro 9×21. Una delle pallottole si è conficcata nel telaio della finestra di una coppia di anziani, risultata del tutto estranea a logiche criminali. Un quarto d’ora prima, in via San Liborio, ai Quartieri Spagnoli, un proiettile ha colpito uno scaldino a gas, innescando le fiamme. L’incendio ha danneggiato un basso disabitato. Alle 23.50 di ieri, ancora, un raid – che gli inquirenti ritengono di stampo intimidatorio – è stato portato a termine all’indirizzo della pasticceria ‘Leopoldo’ in Via Foria. I soliti ignoti hanno danneggiato una vetrina e la serranda del negozio. Relativamente all’ultimo episodio, i proiettili esplosi sono stati quattro.