Alessandra Clemente

La candidata a sindaco di Napoli apre al dialogo con De Luca, quando, appena un mese fa, ne prendeva le distanze.

“Il compito del sindaco di Napoli è anche di far amare, soprattutto ai non napoletani come De Luca, Napoli più di loro stessi. Certo che sono pronta a collaborare anche con lui”. Le parole sono, in una intervista rilasciata al ‘Corriere del Mezzogiorno’, di Alessandra Clemente, assessora al Patrimonio, ai Lavori pubblici e ai Giovani del Comune di Napoli, ma, soprattutto, candidata a sindaco del capoluogo campano indicata da Luigi de Magistris. Una sorta di lascito dell’ex pm prima di andare in Calabria per provare a diventare presidente della Regione.

Parole, dicevamo, distensive nei confronti del governatore campano, non proprio amico fidato e benvoluto dalle parti di Palazzo San Giacomo e viceversa. Ma, soprattutto frasi che certificano un cambio di idea netto da parte del delfino di de Magistris, che, se da un lato attacca Catello Maresca (“riconosco meno valore in chi è annunciato come candidato, ma non lo dice”), dall’altro prova a lanciare un segnale ai “deluchiani”, dopo le ripetute richieste del Pd di farle fare un passo indietro come condizione vincolante per aprire un dialogo con deMa.

ad

La politica, in fondo, è anche questo. Strategie e alleanze che ribaltano tutto, trasformando il peggior nemico nel migliore alleato. Anche chi, appena un mese e 6 giorni fa, la Clemente definiva l’unico da cui viveva “una profonda distanza”, come riportato in una intervista rilasciata lo scorso 12 marzo a videoinformazioni. Ma, si sa, il tempo passa e guarisce tutto. Magari in questo caso è solo passato un po’ troppo velocemente.

Riproduzione Riservata