Niente di fatto in commissione Cultura del consiglio comunale di Napoli. Forse se ne riparlerà dopo l’estate (sempre se la Città Metropolitana vuole)

di Ilaria Riccelli

Il Museo del Mare è chiuso al pubblico. Ubicato all’interno dell’istituto nautico Duca degli Abruzzi è attualmente reso inaccessibile al pubblico. Se n’è parlato alla riunione della commissione Cultura, presieduta da Elena Coccia, cui hanno partecipato esponenti della Municipalità 10 e il direttore della struttura di Via di Pozzuoli. I rapporti tra la scuola e il Museo sono regolati da una convenzione, firmata lo scorso anno, tra la dirigenza scolastica e la Città Metropolitana, che è proprietaria dell’edificio. L’emergenza sanitaria Covid 19 ha portato alla luce un conflitto che “già all’epoca della convenzione si sarebbe potuta prevedere” ha detto la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) “contraddizione tra le esigenze della dirigente, che deve tutelare la salute degli allievi, e quelle di una struttura museale che, per sua natura, deve accogliere i visitatori”.

ad

Ma il museo non è solo un’eccellenza culturale, la consigliera e presidente della commissione Cultura della Municipalità 10, Annalisa Mantellini ha spiegato che “in un quartiere con molti problemi e carente di luoghi di aggregazione sociale e culturale, il Museo è anche un luogo di incontro per studenti e pensionati a cui non è possibile rinunciare.”. “Se ciò avvenisse”, ha detto l’assessora municipale Costanza Biancardi, “il territorio perderebbe un suo pezzo di storia.”

Ci vuole un punto di incontro affinché le diverse esigenze si incontrino e diventino espressione del comune interesse a tenere riaperto il Museo. Elena Coccia ha quindi programmato un confronto per la prossima settimana, impegnandosi a coinvolgere la Città Metropolitana, che potrebbe garantire un servizio di guardiania quando la scuola è chiusa e permettere l’accesso ai visitatori anche nel periodo estivo.