E’ tornata a zampillare al Museo di Capodimonte la storica Fontana del Belvedere, grazie a un restauro costato 150mila euro e finanziato dall’azienda di acque minerali Ferrarelle spa. Sono quindi di nuovo visibili i giochi d’acqua che hanno incantato generazioni di napoletani. Gli interventi hanno portato informazioni preziose anche per l’attribuzione della Fontana stessa: il gruppo scultoreo era gia’ stato realizzato nel 1760 data dell’impianto idraulico, e cio’ rende verosimile che l’autore sia lo scultore di origine fiamminga, Giuseppe Canart (1713-1791), attivo presso la corte borbonica.

ad

Al centro della vasca si erge uno scoglio sul quale poggiano quattro figure marmoree. Tra eleganti festoni di frutta e fiori, due delfini dalle sembianze grottesche, accanto a due divinita’ fluviali, sorreggono una conchiglia, ornata da una pigna centrale dalla quale fuoriescono zampilli d’acqua. I lavori di restauro sono stati eseguiti dall’impresa Centanni Restauri snc di Vincenzo Centanni & C. in maniera completamente eco-sostenibile, sotto la direzione dei lavori dell’architetto Giosue’ De Angelis nell’arco di nove mesi (1 agosto 2018-30 aprile 2019). E’ stata impermeabilizzata la vasca, realizzato un nuovo impianto di illuminazione e ripristinati impianti idrici e tutte le canalizzazioni.

 

“Oggi e’ davvero una giornata storica, una festa per il restauro di un monumento che il quartiere attendeva da anni – commenta il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Sylvain BellengerIl restauro, inoltre, ci ha permesso di avviare, insieme a due giovani studiosi, una campagna di studi e ricerche su tutte le fontane di Capodimonte che portera’ maggiore conoscenza e, spero, consapevolezza del grande valore storico di questo luogo unico”. “E’ un grande privilegio, siamo molto riconoscenti al Direttore Bellenger ed a tutto il Museo e Real Bosco di Capodimonte per averci coinvolto in questo magnifico restauro”, afferma Michele Pontecorvo Ricciardi, vicepresidente Ferrarelle. Il progetto prevede anche costante manutenzione programmata negli anni.

 

Riproduzione Riservata