lunedì, Novembre 29, 2021
Home Inchieste e storia della camorra È morto Marandino, l'ultimo custode dei segreti di Cutolo: «Era un vegetale,...

È morto Marandino, l’ultimo custode dei segreti di Cutolo: «Era un vegetale, non gli hanno concesso i domiciliari»

- Advertisement -

È morto Giovanni Marandino l’ultimo dei cutoliani. Ninuccio, così era chiamato, è venuto a mancare nella notte tra mercoledì e giovedì all’ospedale Cardarelli di Napoli. Il cassiere del professore di Ottaviano era stato trasferito d’urgenza presso il Nosocomio partenopeo a causa di un improvviso aggravamento delle sue condizioni. Un arresto cardiaco gli è stato fatale, ma a onor del vero negli ultimi anni era ridotto su una sedia a rotelle.

Marandino è morto, l’ultimo custode dei segreti di Cutolo

L’uomo era da tempo detenuto nel carcere di Poggioreale a seguito di un’indagine per usura che lo aveva coinvolto anni fa. Con la sua dipartita cala per sempre il sipario su tanti segreti della consorteria criminale del Professore Cutolo. Ninuccio infatti non era solo il cassiere ma era anche un uomo fidato che custodiva presumibilmente le confidenze dell’ex boss. Come anticipato poc’anzi, Marandino stava male da tempo e più volte la famiglia aveva chiesto gli arresti domiciliari.

I giudici non gli hanno concesso i domiciliari

Tuttavia, le perizie richieste dal giudice di sorveglianza riferivano che le condizioni dell’uomo fossero adatte al regime detentivo. Negli ultimi tempi, dopo aver perso oltre 20 kg, Ninuccio si trovava sempre a fare la spola tra il carcere e l’ospedale. Per i bene informati era diventato praticamente un vegetale Secondo gli esperti muore uno degli ultimi «uomini d’onore». Marandino, pur essendo stato sottoposto a regime di 41 bis e pur avendo perso un figlio in un efferato agguato di camorra nel 1986, non si è mai pentito e non ha mai tradito la cosca, non è mai venuto meno alla fiducia del Professore di Ottaviano.

Riproduzione Riservata
- Advertisement -

Leggi anche...

- Advertisement -
Riproduzione Riservata