giovedì, Luglio 7, 2022
HomeNewsPutin non si ferma: Moldavia e Transistria nell'occhio del ciclone

Putin non si ferma: Moldavia e Transistria nell’occhio del ciclone

La Moldavia ha già messo in allerta le sue forze di sicurezza dopo una serie di esplosioni in Transnistria, la regione separatista filorussa dove sono stazionati 1500 soldati di Mosca. Lo scrive il Washington Post citando fonti del governo. Le autorità hanno aumentato anche al massimo livello l’allerta terrorismo. Dopo le tre granate scagliate ieri contro la sede del Kgb, il servizio segreto dell’autoproclamata repubblica separatista di Transnistria, così come si apprende da Avvenire, stamattina diverse esplosioni sono state segnalate a Maiac, nel territorio della regione separatista filorussa, a pochi chilometri dal confine dal confine con l’Ucraina.

Moldavia e Transnistria, le ultime notizie di guerra

La zona è popolata in maggioranza da transnistriani di origine ucraina che nelle ultime settimane hanno espresso disapprovazione per l’invasione russa. Il punto è che a Tiraspol, la capitale della repubblica autoproclamata e non riconosciuta internazionalmente, il potere rimane saldamente in mano a emissari del Cremlino. Gli inviati sul fronte di guerra dicono che in tutta la zona occidentale dell’Ucraina si respira un’aria di grande tensione. Pare che i russi vogliano intensificare l’offensiva. Ed è difficile capire quali potranno essere le conseguenze, anche sul piano internazionale viste le scricchiolanti relazioni internazionali. Lo si apprende dai colleghi di La7 intervenuti nel programma di Myrta Merlino “L’aria che tira”. Al momento non ci sono gli estremi per un cessate il fuoco. Vana anche la missione al Cremlino del segretario Onu Guterres.

Perché Putin vuole invadere la Moldavia?

Secondo gli esperti, entrare in Moldavia significherebbe per la Russia conquistare la Transnistria. Tutto ciò consentirebbe a Mosca di mettere alle strette ancora di più l’Ucraina costringendola alla resa. Dall’altra parte, ora la Moldavia spinge per entrare nell’Unione Europea per avere poi qualche possibilità di difendersi. Difficile che ciò accada al momento.

Leggi anche...

- Advertisement -