La comunicazione.

I bondholders di Moby sono pronti a dare supporto alla compagnia di navigazione per garantirne la continuità aziendale. Il Comitato degli obbligazionisti sottolinea, infatti, in una nota che “la continuità aziendale, la salvaguardia dei collegamenti marittimi e della continuità territoriale, e la conservazione dei posti di lavoro di quella che auspica possa continuare ad essere una primaria compagnia navale italiana, sono essenziali al fine di tutelare il valore aziendale, nell’interesse di tutti gli stakeholders ivi compresi gli obbligazionisti”.

Il Comitato precisa di aver “reso noto a più riprese al management ed agli advisors di Moby la disponibilità degli obbligazionisti rappresentati a sostenere un’adeguata ristrutturazione dei debiti del gruppo – anche a costo di rinunziare a parte dei propri crediti nel contesto dell’operazione – per riportare così l’indebitamento a livelli sostenibili per l’azienda”. E “uguale disponibilità è stata rappresentata quanto all’apporto di nuova finanza, nel contesto dell’auspicata ristrutturazione, che possa permettere alla compagnia di operare con serenità e con l’obiettivo industriale di acquisire nuove quote di mercato nel medio periodo”, conclude la nota.