Il coordinatore del Cts ha invitato a non ripetere gli errori commessi in estate

“Il cenone classico, con 20 persone, quest’anno non si può fare, non ce lo possiamo permettere”. Lo ribadisce il coordinatore del Cts Agostino Miozzo a ‘Buongiorno’ su Sky Tg24 sottolineando la necessità di comprendere che “non possiamo fare il Natale ‘liberi tutti’.” “Sicuramente il trend è positivo e quindi una riduzione della tensione e la riapertura di alcuni spazi come i luoghi di ristoro tradizionale sarà possibile, probabilmente in alcune parti del Paese già dal 3 dicembre – aggiunge. Ma abbiamo fatto un’estate ‘liberi tutti’ e l’abbiamo pagata duramente”. Quanto all’apertura dei negozi e allo shopping natalizio, Miozzo si augura di “non rivedere quelle fotografie di assalto ad alcuni magazzini dove ci sono delle offerte particolari, perché questo sarebbe devastante. Speriamo ci sia uno shopping rigoroso, nel rispetto delle regole che questa maledetta malattia ci impone”.

Riproduzione Riservata