giovedì, Agosto 11, 2022
HomeNotizie di EconomiaMinistero «boccia» presidenza balneare per Banco Napoli: voto in autunno

Ministero «boccia» presidenza balneare per Banco Napoli: voto in autunno

Via venti settembre contro le elezioni «estive»: si attenderà la scadenza del cda

di Fabrizio Geremicca

Il ministero dell’Economia e delle Finanze boccia la presidenza balneare della Fondazione Banco di Napoli. Ieri, otto luglio, i componenti del Consiglio Generale sarebbero dovuti andare alle urne per eleggere il successore di Rossella Paliotto, l’imprenditrice che in primavera ha abbandonato in anticipo la presidenza del consiglio di amministrazione.

Francesco Caia, l’ex presidente degli avvocati napoletani che è componente del consiglio di amministrazione e reggente dopo l’addio di Paliotto, un paio di mesi fa aveva avanzato la sua candidatura. Pareva scontato che sarebbe stato eletto e che sarebbe rimasto in carica fino all’autunno, quando scadrà l’intero cda e si andrà di nuovo alle urne per stabilire chi reggerà il timone della Fondazione per i prossimi quattro anni.

Il ministero dell’Economia, però, ha suggerito di soprassedere, di lasciar perdere e di attendere le elezioni autunnali. C’erano, infatti, due pareri di esperti esterni contrastanti in merito al fatto che le elezioni estive avrebbero inaugurato un terzo mandato – proibito dallo statututo – per Caia.

Uno a firma Blandini, l’altro espresso da Ferri. Il ministero ha suggerito di soprassedere sulle elezioni ed una mozione proposta da due Consiglieri Generali della Fondazione – Marcello D’Aponte ed Alfredo Gualtieri – ha recepito l’indicazione. Tutto rimandato all’ autunno, dunque, quando sarà eletto il presidente che resterà in carica fino al 2026. Tra i papabili Orazio Abbamonte, ma nei prossimi mesi potrebbero emergere anche altri candidati.

Leggi anche...

- Advertisement -