Il vicesindaco Mottola, il sindaco Amente, e suo figlio Cosimo (foto tratta dal profilo Fb di Antonio Amente)

Imminente il passaggio nel partito di Salvini, di fascia tricolore, vicesindaco, tre assessori e otto consiglieri comunali

di Giancarlo Tommasone

Da quanto risulta a Stylo24, le richieste di adesione alla Lega, sono state inviate all’inizio della scorsa settimana. Sarebbero tredici i pezzi di amministrazione comunale di Melito, in procinto di passare con il partito di Matteo Salvini. Fascia tricolore Antonio Amente, in testa, il cambio di casacca è imminente anche per il vicesindaco Luciano Mottola, per gli altri tre componenti della Giunta e per otto consiglieri comunali (di maggioranza, naturalmente). Nei giorni scorsi, la nostra testata aveva annunciato come il Carroccio puntasse su due amministratori del Napoletano, il primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, e il già citato Amente, per far ricoprire a entrambi incarichi di vertice. Manca solo l’ufficializzazione: Catapano coordinatore provinciale di Napoli della Lega, mentre il sindaco di Melito si occuperà del coordinamento dell’hinterland partenopeo. 

Le anticipazioni di Stylo24 / Coordinamento
provinciale, la Lega punta su Catapano e Amente

Ma tornando al popoloso comune dell’area nord, che si candida a diventare l’avamposto «verde» più rappresentativo al Sud, vanno fatte alcune considerazioni. Innanzitutto, la scelta di aderire alla Lega, sempre a quanto risulta alla nostra testata, sarebbe originata dal progetto di candidare con il Carroccio, alle prossime elezioni regionali in Campania, Cosimo Amente, figlio del primo cittadino Antonio.

Il profilo

Cosimo Amente, laureato in Farmacia e specializzato in Farmacia ospedaliera, è molto ben voluto per il suo carattere moderato; chi lo conosce afferma che è completamente diverso, dal carattere irruento e spesso ritenuto sopra le righe, del padre. A questo punto potrebbe profilarsi un vero e proprio derby in casa Amente, per la corsa al Consiglio di Palazzo Santa Lucia. Va considerato, infatti, che l’ex consigliera regionale di Forza Italia, Mafalda Amente (nipote del sindaco di Melito), potrebbe ripresentarsi alla tornata della primavera 2020. In questo caso i due cugini andrebbero a sfidarsi nello stesso bacino elettorale.