La sede dell'Amministrazione comunale di Castellammare di Stabia
La sede dell'Amministrazione comunale di Castellammare di Stabia

È periodo di caccia e si cerca di giocarsi ogni carta a disposizione per raggiungere la tanto sospirata candidatura alle prossime politiche. A muoversi anche Eduardo Melisse, investito da poco della carica di presidente della fondazione dell’Ordine degli architetti della città metropolitana di Napoli. Secondo quanto è stato possibile ricostruire nelle scorse ore, lo stabiese cercherebbe sponsor e parere favorevole dai vertici provinciali e regionali del Partito democratico per accaparrarsi una candidatura nel proporzionale.

L'architetto Eduardo Melisse
L’architetto Eduardo Melisse

Obiettivo che potrebbe raggiungere, visto anche il ruolo svolto proprio a Castellammare di Stabia, dove resta consigliere del Pd dopo essersi dimesso dall’incarico di presidente del consiglio comunale. Le sue posizioni sono date vicine al segretario cittadino democrat Nicola Corrado, della corrente che si schiererebbe all’opposto rispetto alle posizioni del sindaco Antonio Pannullo.
Melisse aveva sostenuto la passata amministrazione di centrosinistra guidata da Nicola Cuomo tanto da ricoprire anche in quell’occasione, l’incarico di presidente del consiglio comunale, sotto il vessillo però, della civica Società Civile per Stabiae. L’architetto ha quindi una certa esperienza politica che lo ha portato, nel corso degli anni, a candidarsi con il centrodestra, il centro e il centrosinistra. Una posizione alquanto ondivaga durante la sua carriera, che sembra però essere orientata a stabilizzarsi (almeno per il momento) dalle parti del Pd. Melisse è pure ricordato per lo scandalo delle 130 tessere del Partito democratico, acquistate con la Paypal in occasione del tesseramento dem nel marzo scorso. In seguito a tale vicenda, poi, non sono emerse responsabilità da parte dell’architetto ed è rientrato nel Pd.

ad
Riproduzione Riservata