“Da quando ho adottato il quartiere Vasto a Napoli gli immigrati presenti sono passati da 800 a 400, sono diminuiti del 50%”. Cosi’ il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, al termine del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica tenuto negli uffici della Prefettura a Napoli. Sul fronte sicurezza ha annunciato che saranno accese telecamere “in una decina di Comuni della provincia di Napoli e sara’ avviata l’operazione Scuola sicura in otto Comuni”. Sulla mancanza di spazi da adibire al sequestro di scooter e auto, il ministro riferisce “che si e’ arrivati a trovare una soluzione con la polizia e a giugno ci sara’ un nuovo appalto, cosi’ le forze dell’ordine potranno sequestrare”.

ad

Su Napoli particolare attenzione sara’ rivolta “al rione Traiano per spaccio di sostanze stupefacenti anche se c’e’ questo cambio di volto della camorra che ormai si insinua nelle attivita’ economiche, che non chiede il pizzo ma offre servizi – dice il ministro – questo richiede un cambio di passo nazionale, occorre unita’ del Paese per combattere e si puo’ polemizzare su tutto ma non su questo”.

 

Infine, “la Questura di Napoli avra’ a pieno regime 592 uomini in piu’. Per ora sono arrivati anche 50 vigili urbani in piu’ e i reati sono calati dell’8% mentre nello specifico le rapine del 18%. Toccando ferro possiamo dire che la camorra qui non spara piu'”.

«Io non incontro gilet gialli con le molotov, da ministro li arresto»

“Non sono andato io a Parigi dai gilet gialli che poi lanciavano le molotov. Io non vado insieme ai dinamitardi ma li arresto”. Cosi il vicepremier ha concluso al termine del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza a Napoli.