giovedì, Agosto 11, 2022
HomeNotizie di CronacaMatrimonio «caldo» a Capri: tra gli invitati parenti di un ras dei...

Matrimonio «caldo» a Capri: tra gli invitati parenti di un ras dei Contini

Le forze dell’ordine hanno monitorato l’evento per controllare la presenza di eventuali latitanti

Soggiornare nelle più esclusive località balneari e turistiche della costiera campana è sempre stato uno degli status symbol più diffusi tra le famiglie malavitose della camorra partenopea e mafiose in genere. A Ischia il boss Eduardo Contini, uno dei capoclan più temuti e ricercato per lungo tempo (arrestato a Casavatore nel 2007), era solito cenare sulla famosa spiaggia dei pescatori. Ma non solo Ischia, molto ambita dalla «mala» anche l’isola di Capri. Ed è proprio qui, all’ombra dei Faraglioni, che nei giorni scorsi si è svolto un evento particolare: un matrimonio in uno dei più importanti locali dell’isola azzurra. A queste nozze avrebbero partecipato, secondo quanto appreso da Stylo24, diversi invitati appartenenti a un esponente apicale dell’organizzazione che fa capo a Edoardo ‘o romano.

Secondo le nostre fonti, gli invitati sarebbero arrivati (chi con l’aliscafo e chi con mezzi propri) in mattinata e sarebbero ripartiti verso sera. Naturalmente questo matrimonio non ha potuto far altro che attirare l’attenzione delle forze dell’ordine che hanno monitorato la situazione. Non per eventuali pericoli ma per accertare se alle nozze fosse presente anche qualche latitante – camuffato tra gli invitati – da arrestare. Tutto si è svolto regolarmente, senza nessun particolare degno di nota.

L’isola azzurra, ma anche Ischia, è da sempre tra le mete preferite dalle organizzazioni criminali proprio perché velocemente raggiungibile. Sul molo di Marina Grande fu tratto in arresto, davanti a centinaia di turisti, l’allora superlatitante Felice Maniero, considerato il capo della mafia del Brenta, in stretti rapporti con Cosa Nostra. Fu bloccato mentre cercava di salire sul suo lussuoso yacht, del valore di due miliardi, acquistato un mese prima. Le forze dell’ordine tutto ciò lo sanno e hanno sempre un occhio di riguardo per le perle del golfo di Napoli.

Leggi anche...

- Advertisement -