lunedì, Novembre 29, 2021
Home Notizie di Cronaca Fughe e scorribande armate per la città: al via il processo per...

Fughe e scorribande armate per la città: al via il processo per il rampollo

- Advertisement -

Scorribande armate con tanto di scorta nelle strade della periferia occidentale di Napoli. Si sono chiuse le indagini preliminari per il rampollo Massimiliano Giuseppe Junior Esposito, figlio del capoclan Massimiliano ‘o Scognato. A margine dell’arresto nel quale è incappato il mese scorso, il giovane dovrà adesso rispondere delle proprie azioni davanti al giudice del tribunale minorile.

Preso Massimiliano Giuseppe Junior Esposito

Difeso dall’avvocato Antonio Abet, il neo diciottenne ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato, l’iter processuale che in caso di eventuale condanna gli consentirebbe di ottenere un sostanzioso sconto di pena. Negli ultimi mesi la sua presenza nel quartiere era diventata piuttosto ingombrante. Così come si apprende dal Roma in un articolo a firma del collega Luigi Nicolosi, Massimiliano, a bordo della sua moto e scortato da alcuni fedeli compagni, aveva preso di mira le strade di Bagnoli e Fuorigrotta, esibendosi in corse ad altissima velocità e rocambolesche impennate.

Fughe e scorribande armate: decide il tribunale minorile

Il tutto veniva poi postato sui social dove il ragazzo vanta migliaia di follower. Tra gennaio e agosto si è reso protagonista di ben due tentativi di fuga con tanto di possesso di arma da fuoco. Ed ecco allora che le forze dell’ordine gli hanno presentato il conto. Adesso Massimiliano Giuseppe si trova in una comunità dei Monti Lattari in attesa che la giustizia faccia il suo corso. Sulla tua testa pendono due diverse accuse: oltre alle scorribande da stuntman c’è anche un capo relativo al rocambolesco tentativo di fuga di cui il giovane si rese protagonista lo scorso gennaio.

Riproduzione Riservata
- Advertisement -

Leggi anche...

- Advertisement -
Riproduzione Riservata