La decisione del gip

Era finito ai domiciliari nell’ambito di una inchiesta della Dda per presunti favori ai clan, in cambio di «mazzette e regali». Era stato arrestato insieme ad altri quattro colleghi, accusato di corruzione, omissione di atti d’ufficio e segreti di ufficio. Si tratta del maresciallo dei carabinieri Raffaele Martucci. Nelle scorse ore, però, il gip Valentina Gallo ha di fatto revocato la misura scattata lo scorso 27 gennaio, nei confronti del militare. La decisione è stata presa perché il periodo della prescrizione, relativamente alla condotta contestata a Martucci, «deve considerarsi interamente decorso». I fatti sarebbero stati commessi fino al 4 luglio del 2010, quando il militare dell’Arma era di stanza presso la Tenenza di Sant’Antimo. La notizia della revoca della misura è stata riportata dal quotidiano Il Roma.