lunedì, Dicembre 6, 2021
HomeNotizie di SportCalcioMaradona - La casa natale in Argentina diventa patrimonio nazionale. Diego...

Maradona – La casa natale in Argentina diventa patrimonio nazionale. Diego…

Sabato 30 ottobre sarebbe stato il 61° compleanno del Pibe de Oro ed il governo ha deciso di dichiarare “patrimonio nazionale argentino” la casa natale del miglior calciatore di tutti i tempi

di Stefano Esposito

A pochi giorni da quello che sarebbe stato il suo 61° compleanno e a meno di un mese dall’anniversario della morte, l’Argentina celebra con un nuovo riconoscimento ufficiale Diego Armando Maradona.

Civico 523 di Calle Azamor, località di circa 43mila abitanti nella divisione amministrativa di Lomas de Zamora, a sud della capitale argentina.

Dieguito iniziò a muovere i primi passi nel barrio di Villa Fiorito.

Zona poverissima di Buenos Aires, diede prova del suo talento fin da piccolissimo.

Tra la polvere dei campetti di strada e tra i vicoli stretti, giocava, si divertiva e sognava, calciando il pallone di cuoio regalatogli dal cugino Beto.

Un luogo che diventerà presto, senza dubbio, ancor più storico.

Ha rappresentato per Diego il ricordo e a tratti l’esaltazione di quelle origini modeste nonché il luogo che lo ha legato alla sua famiglia.

A Villa Fiorito ha trascorso i primi anni della sua vita.

In quella casa si erano stabiliti i suoi genitori Diego Maradona e Dalma Salvadora Franco, più noti come Don Diego e Doña Tota, al loro arrivo dal Esquina, nella provincia nord-orientale di Corrientes.

Le sorelle maggiori di Diego, Elsa Lucía e María Rosa e i fratelli minori Raúl Alfredo, Hugo Hernán e Claudia Nora, sono tutti nati lì.

Diverse volte Diego è tornato a Villa Fiorito, dove la sua carriera calcistica è iniziata su un campo polveroso.

“Questo è il posto dove ho iniziato a sognare”, dichiarò in un’intervista.

Decreto firmato dal Presidente Alberto Fernandez e pubblicato sul bollettino ufficiale dei provvedimenti governativi.

Quella casa “rappresentò per lui, durante tutta la sua vita, la fedeltà alle proprie origini e il legame profondo che lo univa alla sua famiglia”.

Si fa poi riferimento agli spiazzi nelle vicinanze “dove Diego, prima di diventare Maradona, forgiò un amore indissolubile con il pallone”

Intanto prende il via una serie televisiva dedicata alla vita di Diego: “Maradona, il sogno benedetto”

Sarà diffusa da Amazon Prime in 250 paesi del mondo.

Ad interpretare il ‘Pibe de Oro’ in tre differenti fasi della sua vita saranno gli attori Nazareno Casero, Juan Palomino e Nicolas Goldschmidt, con ‘ricostruzioni’ di partite giocate da il ‘Diez’ in Argentina, Spagna, Italia, Uruguay e Messico, dove Maradona vinse i Mondiali con l’Albiceleste’ nel 1986.

Leggi anche...

- Advertisement -