lunedì, Gennaio 24, 2022
HomeNotizie di Cronaca«Mamma, perdonami» e poi si toglie la vita a 16 anni

«Mamma, perdonami» e poi si toglie la vita a 16 anni

Il giovane di Boscoreale si trovava nella comunità Cento Passi di Villa di Briano

Sedici anni, una vita tutta davanti, ma ha deciso di interromperla, perché non riusciva più a stare lontano da casa. Vincenzo Arborea, di Boscoreale (abitava nel rione popolare del Piano Napoli), è stato trovato esanime nel bagno della comunità per minori Cento Passi di Villa di Briano (in provincia di Caserta). In comunità, Vincenzo, ci era finito perché accusato di una rapina (la sottrazione di un iPhone), consumata lo scorso settembre a Scafati (provincia di Salerno). L’ingresso in comunità a novembre, in esecuzione di una misura cautelare emessa dalla Procura per il rischio di fuga e di reiterazione del reato.

Vincenzo, però, in comunità non ci voleva stare. E allora ha scritto un biglietto alla mamma, chiedendole di perdonarlo e si è tolto la vita, impiccandosi. Il biglietto è stato trovato a terra, nei pressi del suo corpo, sul quale è stata disposta l’autopsia. Un atto dovuto, che fugherà ogni dubbio rispetto alla dinamica dei fatti. Domenica scorsa, Vincenzo era scappato dalla comunità per partecipare al trigesimo della sorella, deceduta lo scorso febbraio. Arrivato a casa, la madre lo ha poi riaccompagnato presso il centro di Villa di Briano. «Non è colpa tua, mamma, ma ti avevo detto che in comunità non ci volevo stare», è scritto nell’ultimo messaggio del giovane.

Leggi anche...

- Advertisement -