Matilde Sorrentino

La donna, colpita a morte nella sua casa di Torre Annunziata, denunciò chi aveva abusato del figlio.

Sedici anni fa veniva uccisa nel suo appartamento di via Melito a Torre Annunziata (Napoli) Matilde Sorrentino, per tutti diventata “mamma coraggio” per avere denunciato gli uomini che avevano abusato del figlio e di altri bambini in una scuola elementare nel rione dei Poverelli.

Sorrentino venne assassinata il 26 marzo 2004 sull’uscio della propria abitazione. A ricordarla oggi è il sindaco della città vesuviana, Vincenzo Ascione: “Porteremo sempre nel cuore Matilde – afferma il primo cittadino – La sua tenacia e il suo incredibile coraggio le sono purtroppo costati la vita, ma l’eredità che ha lasciato a tutti noi e il suo sacrificio non verranno mai dimenticati”.