Allarme nel Napoletano 

Inquietante il sequestro effettuato dalle forze dell’ordine nelle scorse ore. In un forno abusivo, il pane veniva cotto con fuoco alimentato con prodotti velenosi: è quanto scoperto dai carabinieri della Stazione di Varcaturo, nel Napoletano che, nel corso di un servizio a tutela della salute alimentare svolto con il nucleo Antisofisticazione e Sanità di Napoli, hanno fatto scattare i sigilli per il panificio illegale. L’attività illecita era stata allestita da un 56enne, senza alcuna autorizzazione. Anche il forno era in un immobile abusivo. I militari hanno scoperto che per la combustione venivano usati scarti di falegnameria, collanti, vernici e resine. Le condizioni igienico-sanitarie dei locali, inoltre, erano molto scarse: c’erano diverse macchie di umidità, cedimento di parti di intonaco e non era stato installato il sistema anti intrusione contro insetti e agenti inquinanti. L’uomo è stato denunciato, il locale e le attrezzature sottoposti a sequestro. La scoperta è stata fatta dai militari nel corso di controlli per contrastare i panifici abusivi, l’uso di materiali tossici per alimentare i forni e interrompere la lavorazione del pane in ambienti sporchi.