Il sito tirendiconto.it si ferma ai parlamentari della XVII Legislatura

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

 

ad

di Francesco Vitale

Nei giorni scorsi ci siamo occupati della rendicontazione relativa alle restituzioni da parte dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. Come si evince dal sito tirendiconto.it (e come è stato riportato da Stylo24), è emerso che i  «rimborsi» destinati alle casse del microcredito sono fermi (tranne che per rarissime eccezioni) a dicembre del 2017.

Sul sito della trasparenza «grillina»
non compaiono deputati e senatori
della attuale legislatura, tutto è relativo soltanto ai parlamentari della XVII

Uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle è da sempre rappresentato dalla lotta alle consulenze, ma andando a guardare il grafico delle spese quadrimestrali del gruppo pentastellato al Senato (primo gennaio 2018-22 marzo 2018 e 23 marzo 2018-31 agosto 2018) ci si potrà rendere conto come per il primo periodo siano stati investiti 108.312,41 euro per professionisti e consulenze al netto della r.a. (ritenuta d’acconto), mentre per il secondo periodo considerato, ben 192.905,99 euro.

Relativamente alla Camera e al rendiconto, per l’esercizio 2017 sono annotate spese per collaborazioni e consulenze professionali, ammontanti a 671.961 euro, mentre per il 2018 dette spese si attestano sui 92.861 euro. Ma oltre alla lotta (evidentemente solo in teoria) che il Movimento aveva dichiarato alle consulenze, c’è pure da sottolineare che sul sito grillino, a mancare è proprio la tanto decantata trasparenza.

E’ semplice, basta scaricare, ad esempio, uno dei pdf
relativi all’elenco spese del gruppo parlamentare al Senato

Nel prospetto sono riportate diverse fatture che però non recano la dovuta specifica. Ad esempio, per il quadrimestre 23 marzo-31 agosto 2018, risultano ben otto fatture che non recano la «causale». Tutto ciò non ricade certo a favore della trasparenza. Come pure tutt’altro che «cristallino» e men che mai «intuitivo» è l’iter da percorrere da parte dei cittadini, per rendersi veramente conto del volume e delle modalità delle spese dei parlamentari grillini.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT