venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizie di CronacaBorgo Sant'Antonio, Maria Luisa Iavarone: Napoli come Baghdad

Borgo Sant’Antonio, Maria Luisa Iavarone: Napoli come Baghdad

Le parole.

In diretta a ‘Barba&Capelli’, trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio CRC, è intervenuta Maria Luisa Iavarone: “Borgo Sant’Antonio? Sembra di stare a Baghdad. Ragazzini di 13-14 anni lasciati allo sbaraglio e che, solitamente, provengono da famiglie pseudo criminali. Devono essere assegnati il prima possibile a comunità di recupero. Gli strumenti più efficaci, in certe zone, sono, prima fra tutti, la restrizione. Questi ragazzi non devono avere la possibilità di restare in strada. Queste scene sono totalmente sovrapponibili a quelle dei ragazzini delle Quattro Giornate di Napoli. C’è così bisogno di prevaricare, che questo supera tutto, anche la vera necessità dell’azione. I ragazzini appaiono, senza essere. Anche io, nel mio piccolo, sono stata attaccata da persone che si opponevano a me e alla mia rappresentazione di Napoli. Non capisco perché ci debbano essere atti di guerriglia urbana senza una vera e propria guerra”.

Articoli Correlati

- Advertisement -