Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Saranno notificati nelle prossime ore ad Antonio Di Maio e a sua sorella gli atti dell’avvio del procedimento per l’abbattimento dei manufatti abusivi e per la rimozione dei rifiuti presenti sul terreno a Mariglianella di comproprieta’ del papa’ e della zia del vicepremier Luigi. Ieri mattina, gli atti sono stati consegnati all’ufficio protocollo del Comune di Pomigliano d’Arco, dove risiede Antonio Di Maio, e inviati per raccomandata anche al Comune di Loano (Reggio Emilia), dove vive la sorella dell’uomo.

ad

Un atto dovuto, quello dell’avvio del procedimento, dopo che i vigili urbani di Mariglianella, nei giorni scorsi, hanno effettuato i controlli sulla proprieta’ dei Di Maio in via Umberto I, riscontrando quattro manufatti che dai primi accertamenti risultano essere abusivi, e la presenza di rifiuti inerti, per lo piu’ scarti edili, su tre piazzole dello stesso terreno. Gli agenti della polizia municipale hanno fatto quindi scattare i sigilli per i presunti abusi e per la presenza dei rifiuti, inviando gli atti alla Procura di Nola. In seguito a tutto cio’ l’avvio del procedimento da parte degli uffici comunali, che potrebbe portare all’ordinanza di abbattimento e di ripristino dei luoghi.

 

Il fratello del vicepremier nominato liquidatore dell’azienda del padre

Giuseppe Di Maio, fratello Di Luigi, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, secondo quanto si apprende, e’ stato nominato liquidatore dell’azienda del padre, Ardima Srl. La ditta di famiglia era finita al centro delle polemiche dopo la denuncia della trasmissione televisiva ‘Le Iene’. Il vicepremier aveva annunciato nei giorni scorsi l’intenzione Di liquidare l’attivita’ di cui e’ diventato socio al 50% con la sorella intorno al 2013 e che gia’ il fratello Giuseppe amministrava. Intanto, per quanto riguarda i 4 munifatti su 5 presenti nel terreno a Mariglianella in cui ha sede la Ardima srl., saranno notificati a breve ad Antonio Di Maio e a sua sorella Giovanna, proprietari a meta’ dell’area, gli atti dell’avvio del procedimento per l’abbattimento degli abusi e le ingiunzioni per la rimozione dei rifiuti presenti. Stamattina, secondo quanto si e’ appreso, gli atti sono stati consegnati all’ufficio protocollo del Comune Di Pomigliano d’Arco, dove risiede Antonio Di Maio, e inviati per raccomandata anche al Comune Di Loano (Reggio Emilia), dove vive la sorella dell’uomo.

La denuncia del Pd Napoli

Intanto, a Napoli, il deputato Pd Carmelo Miceli ha anticipato che presenterà alla Procura partenopea un esposto sull’azienda della famiglia Di Maio. Con sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, falso in bilancio, intestazione fittizia di beni, ricettazione e al riciclaggio, tra alcune delle ipotesi di reato a carico dello stesso Luigi Di Maio.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata