La denuncia della delegazione dell’isola azzurra dell’Unione Nazionale Consumatori.

La delegazione dell’Isola di Capri dell’Unione Nazionale Consumatori ha denunciato che il servizio luci dell’eliporto di Damecuta ad Anacapri è inefficiente per cui a rischio il servizio di elisoccorso. La nota della delegazione caprese dell’UNC riporta quanto comunicato al Prefetto, al Sindaco di Capri ed agli enti preposti attraverso un documento firmato dal dott. Galano, responsabile della centrale operativa 118 dell’isola di Capri, e dal medico coordinatore di turno dott. Carotenuto.

La segnalazione dell’ASL inviata ieri ha riportato all’attenzione degli isolani la precarietà dei trasporti in casi gravi dei pazienti in terraferma, che viene sempre più aggravandosi anche in riferimento alla lettera inviata ieri, che dichiara impossibile l’atterraggio dell’eliambulanza a causa della scarsa luminosità sull’elisuperficie di Capri. Quindi niente trasporti nelle ore notturne e l’unica alternativa sarebbe l’idroambulanza, un mezzo di trasporto via mare, che però non può essere usato quando le condizioni meteo marine si aggravano.

Tutto ciò viene comunicato alla cittadinanza dal Presidente dell’Unione Consumatori che indica come già aveva fatto in precedenza altre piazzole di atterraggio in caso di necessità e cioè soluzioni alternative a Damecuta come un’area vicino l’ospedale Capilupi o quelli in prossimità dell’ex scuola San Francesco nel porto turistico di Capri. Per garantire un servizio vitale ai cittadini isolani è necessario trovare un’altra alternativa, dicono i consumatori, all’attuale eliporto individuando altre ipotesi al fine di garantire il servizio.

1 commento

Comments are closed.