La Galleria Quattro giornate

Sarebbe dovuto partire stamattina il nuovo dispositivo di traffico a Fuorigrotta per rendere la Galleria IV giornate a doppio senso di marcia, dopo la chiusura d’urgenza della galleria Laziale. E invece l’assessore alla Mobilità Calabrese ha deciso di rinviare, forse al fine settimana, l’inizio del nuovo piano.

IL RINVIO DEL NUOVO DISPOSITIVO DI TRAFFICO
HA CREATO PROBLEMI E CAOS IN TUTTA NAPOLI

Stamattina sorpresa e sgomento tra gli automobilisti e tra i residenti. Chi si aspettava di trovare la Galleria a doppio senso è rimasto deluso. Code e traffico in tilt, non solo nell’area ovest, ma in tutta la città. Ripercussioni a via Caravaggio, via Manzoni, via Aniello Falcone, via Tasso, via Salvator Rosa, per chi ha deciso di raggiungere il centro attraverso la Tangenziale (che tra l’altro resta a pagamento). Insomma l’ennesima dimostrazione di superficialità dell’amministrazione, contro la quale si stanno scagliando un po’ tutti.

La Galleria Laziale chiusa al traffico
La Galleria Laziale chiusa al traffico

«Resto sbalordito nell’apprendere che il dispositivo di traffico relativo alla Galleria IV giornate, nonostante la recente ordinanza comunale, questa mattina non sia entrato in vigore – tuona il presidente della commissione Mobilità Nino SimeoneRicordo che la chiusura per lavori della Galleria Laziale, ha creato e crea, notevoli disagi agli automobilisti e che per rendere più agevole il collegamento tra l’area flegrea ed il centro, l’amministrazione comunale aveva deciso che dal 22 novembre la percorribilità della Galleria IV giornate sarebbe avvenuta su entrambi i sensi. Pubblicizzando tale dispositivo sia tramite organi di stampa che sul sito istituzionale del Comune di Napoli. Questa mattina però – prosegue Simeone -, senza alcun avviso alla cittadinanza, l’assessore, autonomamente ha deciso di non tener conto dell’ordinanza dirigenziale già emessa e gli automobilisti inviperiti hanno dovuto subire l’ennesima beffa. Così si va a minare il rapporto di fiducia che il cittadino deve avere per l’istituzione. Non si possono fare proclami, ordinanze, stabilire date e poi non rispettarle. Non è giusto e non è corretto. Un’altra occasione persa».    

Nino Simeone, presidente della Commissione Comunale Mobilità
Nino Simeone, presidente della Commissione Comunale Mobilità

   

Gli fa da eco la prima Municipalità: «Sono passate le ore 16 ed ancora riceviamo proteste dei cittadini per la mancata attuazione del doppio senso all’interno della Galleria IV Giornate» denuncia il presidente della Municipalità I, Francesco de Giovanni. «Tutto ciò nonostante vi sia un’ordinanza dirigenziale del Comune, pubblicata in albo pretorio il 16 Novembre, che prevede proprio da oggi il nuovo dispositivo di traffico. La mancata applicazione di questa ordinanza – continua l’esponente della Municipalità – non solo sta protraendo i pesanti disagi dei cittadini ed aggravando il traffico veicolare, ma è una palese e gravissima omissione da parte dell’amministrazione comunale».

DE GIOVANNI: GESTIONE MOBILITA’ DILETTANTESCA

«Oltre a prendere in giro i cittadini, ma a questo siamo ormai abituati, da Palazzo San Giacomo prendono in giro anche se stessi, emanando atti ai quali non seguono i fatti. È chiaro ormai – conclude de Giovanni, insieme all’assessore Chiosi che c’è una gestione della mobilità che è semplicemente folle e dilettantesca. Perché l’assessore Calabrese non interviene affinché che sia applicata l’ordinanza dei suoi uffici? Per quanto ci riguarda diffidiamo l’amministrazione a dare esecuzione immediata all’ordinanza, altrimenti chiederemo l’apertura di un’indagine per omissione d’atti d’ufficio. Si facciano una ragione: la pista ciclabile sotto il tunnel non serve e deve sparire».