Gesualda Zagaria per un periodo aprì anche una pizzetteria: veniva sostenuta economicamente dal boss latitante

La sorella del boss con la passione dell’alta moda. Lei è Gesualda Zagaria, e il boss è naturalmente Michele Zagaria, l’ex primula rossa dei Casalesi. A parlarne è il pentito Massimiliano Caterino nel corso di uno dei suoi interrogatori davanti ai pm Antimafia di Napoli. Spiega il collaboratore di giustizia: “E’ la sorella penultima di Michele Zagaria ed è del 1967. Con certezza posso affermare che non ha mai lavorato e non si è mai sposata, almeno fino al 2013”, quando cioè il pentito finisce in carcere e inizia a meditare il passaggio dalla parte dello Stato. La donna – aggiunge Caterino – “per un breve periodo aprì un esercizio commerciale che faceva delle pizze a taglio che, poi, chiuse”. Gesualda veniva “sostenuta economicamente dalla famiglia Zagaria e in particolare da Michele Zagaria e dai suoi fratelli che le passavano somme di denaro che le occorrevano, vestiario e quant’altro le servisse”. Il pentito ricorda di averla “incontrata parecchie volte in Casapesenna e diverse volte l’ho anche accompagnata, con la mia famiglia nel periodo natalizio per lo shopping a Napoli”. La donna “era sempre ben vestita e soleva recarsi nei negozi delle griffe più note di Napoli come Gucci, Vuitton, Carrier… che si trovano nei pressi di piazza dei Martiri”.