TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Un “comitato di genitori” ai quali non sta bene la decisione di riaprire la scuola di sabato ha conferito incarico all’avvocato Angelo Pisani “per impugnare il provvedimento innanzi all’autorita’ giudiziaria competente”. E’ quanto rende noto lo stesso Angelo Pisani, spiegando che i genitori dei ragazzi del Liceo Ginnasio Jacopo Sannazaro di Napoli, finito nell’occhio del ciclone nei giorni scorsi per attivita’ extra moenia trasformatesi in ‘gite al mare’, “sono pronti a chiedere anche il risarcimento danni per ogni disagio e stress subito dai malcapitati studenti”. Attivita’ extra moenia che si sono rese necessarie per la mancanza di aule: 48 quelle disponibili a fronte di 53 classi. “La scorciatoia beffa, come battezzata da alcuni papa’ che non ne vogliono sapere di rinunciare ai progetti sportivi per i propri figli a causa di errori di altri – afferma Pisani – non e’ ritenuta giusta e legittima da numerose famiglie di studenti”. Ragazzi che sono stati iscritti al Sannazaro, le cui famiglie hanno “sostenuto costi e oneri”, anche “sulla base di un calendario scolastico che escludeva il sabato, permettendo cosi’ altri impegni e/o iniziative sportive e familiari ma che invece da oggi vedono lesi i propri diritti come l’organizzazione familiare e i programmi per un week end libero da obblighi scolastici”.

ad

Mancano le aule, le lezioni si tengono a terra nei corridoi

Lezioni a terra, nei corridoi. Succede al liceo ginnasio Sannazaro di Napoli, al centro delle  polemiche e delle proteste degli studenti perché mancano le aule: 48 a fronte di 53 classi. Una situazione che aveva spinto la preside, Laura Colantonio, a organizzare attività extra moenia anche in località balneari e uscite in Villa Floridiana  per giocare a frisbee. Per far fronte alla situazione, la dirigente scolastica ha predisposto la rotazione quotidiana per le 5 classi in esubero e il ritorno a scuola di sabato. Oggi, per protestare contro questa decisione, alcuni ragazzi, assieme a una docente, stanno facendo lezione seduti a terra nel corridoio dell’istituto, come testimoniato anche da un video.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT