giovedì, Luglio 7, 2022
HomeNotizie di AttualitàL'estate «bollente» per gli aumenti: stabilimenti balneari più cari del 30%

L’estate «bollente» per gli aumenti: stabilimenti balneari più cari del 30%

Pandemia e guerra spingono in alto i prezzi

L’estate è alle porte. E si prospetta davvero bollente non solo dal punto di vista climatico, ma anche per il caro prezzi (utenze a parte) che si risconterà presso gli stabilimenti balneari e le località di villeggiatura. Coloro che hanno già avuto modo di recarsi al mare, infatti, riferiscono di aver notato rispetto all’estate 2021 un ingente aumento, circa il 30% sia nell’accesso alle spiagge per il fitto di lettini ed ombrelloni, sia nei punti di ristoro.

A Posillipo, quartiere napoletano in cui c’è una grande presenza di lidi e stabilimenti, i prezzi sono aumentati a occhio nudo. In via Posillipo al «Bagno Elena» fino a fine maggio l’accesso costerà 12 euro, dopodiché si passerà ai 15 euro per la spiaggia e 20 euro per il pontile. Sempre sulla più rinomata collina napoletana aumenta anche la «Baia delle rocce verdi» a cui si accede con un ticket da 20 euro a persona. La questione dipende chiaramente prima dalle restrizioni Covid e successivamente alla guerra in atto che ha generato rincari un po’ in tutti i settori.

«Quest’anno abbiamo mantenuto gli stessi prezzi di due anni fa, quando li aumentammo per la pandemia (passando dai 170 ai 230 euro per 10 ingressi); non li abbiamo alzati ulteriormente per evitare di andare a gravare sui nostri clienti, in realtà avremmo voluto abbassarli, ma non abbiamo potuto farlo per gli aumenti dovuti alla guerra», spiega Ciro Varriale, titolare dell’esclusivo stabilimento «Il Gabbiano» a Marechiaro.

La gestione della ztl

Inoltre, a complicare ancor di più la situazione c’è la gestione della ztl per accedere a Marechiaro, fino all’anno scorso gli operatori degli stabilimenti potevano inviare le targhe al Comune entro sera, da quest’anno i tempi di invio si sono ridotti a tre ore e pare che l’invio risulti più ostico in seguito all’inserimento di un gestionale meno intuitivo.

Restano invece invariati rispetto all’anno scorso i prezzi di accesso presso il lido Sirena, a fianco allo storico Palazzo Donn’Anna. Si passa infine, dai 15 euro ai 16 euro al «Lido Marechiaro» dove i gestori per favorire i clienti hanno adottato la politica del non rincaro, pur avendo palesato le loro perplessità sui propri margini di guadagno.

ldm

Leggi anche...

- Advertisement -