sabato, Agosto 13, 2022
HomeNotizie di Politica«L'esperienza di Azzurri per Napoli è morta»

«L’esperienza di Azzurri per Napoli è morta»

Lo sfogo nella chat del gruppo: il movimento di Stanislao Lanzotti è sparito dai radar. I consiglieri comunali dialogano solo con Roma

Una domanda ci attanaglia in questi giorni di fervore politico per le prossime elezioni politiche di settembre. Ma «Azzurri per Napoli» che fine ha fatto? Sì perché il progetto politico di Stanislao Lanzotti, secondo il suo fondatore, doveva essere un progetto di largo respiro, regionale se non oltre. Capace di spostare, a piacimento, l’ago della bilancia da destra a sinistra a secondo dei casi. E proprio ora che avrebbe dovuto iniziare a far sentire la propria voce e prepararsi alle elezioni sembra decisamente morto.

Forse delusi dal risultato elettorale che alle comunali di Napoli non ha riscosso molto successo se non grazie all’aiuto di Italia Viva, i partecipanti sembrano quasi dispersi nel mare magnum della politica. Si parla di una vera e propria diaspora con i consiglieri comunali che non farebbero riferimento al movimento di Azzurri, che ancora non ha una sua identità visto che i «padri fondatori» non sono riusciti a creare nemmeno uno statuto.

Addirittura nella chat di Azzurri ci sarebbe stato uno sfogo di Peppe Calì, uno dei fondatori del movimento. Ai suoi compagni di ventura avrebbe espresso tutte le sue perplessità: secondo Calì, i consiglieri eletti con Azzurri rispondono «eventualmente solo a Renzi che su Napoli non ha alcun interesse». Lo stesso assessore Vincenzo Santagada, che dovrebbe fare riferimento all’area di Azzurri ma che sarebbe stato scelto seguendo altre logiche, sembra essersi «dileguato». «L’esperienza di Azzurri per Napoli è morta», ha detto chiaramente Calì. Esprimendo con una sola frase quello che molti in questi mesi hanno capito. Inizia il travaso verso il Pd o Italia viva?

Leggi anche...

- Advertisement -