giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizie di AttualitàSi insedia il nuovo Consiglio dell'Ordine degli architetti di Napoli

Si insedia il nuovo Consiglio dell’Ordine degli architetti di Napoli

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Insediato il nuovo Consiglio dell’Ordine degli architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia. Leonardo Di Mauro e’ stato nominato presidente, mentre Giuliana Andretta e Rosa De Luca sono state investite, rispettivamente, della carica di segretario e tesoriere dell’Ente. Nominati anche due vicepresidenti: Domenico Ceparano e Stefania Porcelli. La tornata elettorale ha inoltre visto diventare consiglieri, tra gli oltre 70 candidati scesi in campo, gli architetti Emma Buondonno, Antonio Cerbone, Antonio Ciniglio, Antonio Coppola, Concetta Marrazzo, Gianluca Meo, Vincenzo Perrone, Aniello Tirelli, Grazia Torre e Beniamino Visone.

Gli architetti napoletani sono tornati al voto, dopo poco piu’ di un anno dalle ultime elezioni, al termine di cinque mesi di commissariamento dell’Ente determinato delle improvvise dimissioni degli otto consiglieri di maggioranza. Tra le tre liste in campo e gli oltre venti architetti candidati singoli, gli elettori, con un’affluenza in leggero calo rispetto alla tornata precedente, anche a causa dell’istituzione di un unico seggio elettorale, hanno determinato una sonora bocciatura per la lista in cui si erano raccolti i consiglieri di maggioranza dimissionari a favore del gruppo guidato da Leonardo Di Mauro, che ha visto eleggere 12 consiglieri sui 15 totali.

Leonardo Di Mauro, presidente del Consiglio dell’Ordine degli architetti di Napoli

Per il Prof. Di Mauro, primo degli eletti con oltre 1300 preferenze, la composizione di questo Consiglio “e’ l’espressione del profondo desiderio di rinnovamento che gli iscritti hanno manifestato attraverso il voto. Un voto che carica tutti i consiglieri di responsabilita’, se possibile, ancora maggiori di quelle tradizionalmente legate al ruolo ricoperto. L’impegno comune deve essere quello di operare nel tentativo di dare risposte concrete alle tante esigenze e attese manifestate dai colleghi; un compito di per se’ gia’ non facile ma reso ancora piu’ complesso dal momento di grande difficolta’ economica, politica e sociale che investe la professione dell’architetto. L’agenda di lavoro delle prossime settimane, gia’ colma di impegni, prevede azioni che interessano un ampio spettro di temi che vanno dalla trasparenza alla razionalizzazione dei costi, dalla revisione dei regolamenti dell’Ordine ad azioni dirette al recupero della dignita’ della professione, alla valorizzazione della figura dell’architetto e al sostegno ai professionisti, oltre che al decentramento, alla partecipazione e alla formazione”.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Articoli Correlati

- Advertisement -