giovedì, Maggio 19, 2022
HomeNotizie di PoliticaLe ultime notizie di politica a Napoli

Le ultime notizie di politica a Napoli

Sicurezza, Maresca: «Bene visita Lamorgese, ma affrontare pericolo di camorra imprenditrice e finanziaria»

«Accogliamo con soddisfazione la visita del ministro dell’interno Luciana Lamorgese oggi a Napoli. Purtroppo i dati sulla criminalità nella nostra città sono inclementi e rappresentano un indice di assoluto allarme. Ben vengano programmi straordinari di intervento e nuove risorse umane e finanziarie, che speriamo davvero arrivino il più presto possibile». Lo dichiara in una nota Catello Maresca, leader dell’opposizione di centrodestra in Consiglio comunale.

«Come ha sottolineato il ministro dell’interno con la sua presenza sul territorio, la sicurezza è una questione maledettamente seria, a cui occorre dare risposte in maniera stringente e in modo efficace, anche sotto il profilo della prevenzione – prosegue la nota – Pensiamo ancora che sia indispensabile attivare un tavolo permanente sulla problematica delle baby gang, coinvolgendo anche la Regione, con programmi di recupero e reinserimento professionale». Per Maresca «occorre poi elaborare velocemente un sistema di controllo tecnologico e fisico del territorio, non trascurando le periferie. Il Comune di Napoli deve sviluppare un piano serio e realizzabile di riutilizzo sociale, ma anche economico dei beni confiscati alla criminalità».

«Infine, ma non ultimo per importanza, si deve strategicamente affrontare il pericolo della camorra imprenditrice e finanziaria – conclude il consigliere – Fa piacere constatare da parte del ministro attenzione verso il serissimo pericolo di infiltrazione camorristica negli appalti del PNRR. Attendiamo ora di essere coinvolti in una battaglia che segnerà le sorti dei nostri concittadini e dei nostri figli per il prossimo futuro», conclude.

Sicurezza, Nappi (Lega): «Mancanza videosorveglianza fallimento amministrazioni di sinistra»

«A Napoli, oggi, il ministro Lamorgese ha certificato il fallimento delle amministrazioni di sinistra che da decenni guidano la città. È davvero gravissimo che il 25% delle telecamere di videosorveglianza non funzioni e che tale mancanza riguardi in particolare quartieri attualmente epicentro di fenomeni di criminalità. Ci auguriamo che l’attuale amministrazione ne prenda atto e cambi passo. In questo caso potrà contare sulla nostra collaborazione istituzionale. L’annuncio del ministro dell’assegnazione di nuove unità di polizia per la città di Napoli è sicuramente un dato positivo per il quale tuttavia attendiamo indicazioni sui tempi precisi». Lo afferma Severino Nappi, consigliere regionale e coordinatore della città metropolitana di Napoli della Lega.

«Ci auguriamo – continua – soprattutto che questo sia solo un primo intervento, anche perché ai nuovi arrivi occorrerà sottrarre il personale che andrà in quiescenza nel frattempo. È infatti evidente che, nella consapevolezza della difficoltà del nostro territorio, sono necessari impegni adeguati in termini di risorse e dotazioni, perché c’è bisogno sicuramente di azioni per l’integrazione sociale aperte al coinvolgimento delle associazioni e della società civile. Ma è ancor di più necessario che lo Stato sia presente con uomini, strutture e mezzi per far sentire la sua autorevolezza e la sua presenza, specie quando le amministrazioni locali latitano, come è avvenuto finora qui»

Videosorveglianza, Manfredi: «In passato problema bollette»

«In passato la vecchia amministrazione ha avuto dei problemi di pagamento non solo rispetto alla videosorveglianza ma anche in altre questioni che riguardano la vita della città. Sono convinto che nei prossimi mesi questi problemi non ci saranno». Lo ha detto il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi che ha evidenziato come il tema della videosorveglianza «è di grande complessità perché incrocia vari aspetti: la qualità delle camere che sono state realizzate negli anni con tecnologie diverse, la manutenzione e l’alimentazione. L’idea che abbiamo e su cui stiamo lavorando con la Questura e con il Dipartimento di pubblica sicurezza – ha aggiunto – è avere uno standard unico per garantire l’integrazione tra i sistemi affinché possano andare tutti verso la sala operativa in Questura, avere telecamere di ultima generazione che attraverso l’intelligenza artificiale possano procedere con l’identificazione automatica, poi c’è il piano di manutenzione che deve coprire il tempo non solo di installazione ma anche il lungo termine e chiaramente pagheremo anche le bollette della luce per l’alimentazione». Il sindaco ha sottolineato anche l’importanza di «integrare la videosorveglianza pubblica con quella privata che può dare opportunità di maggior controllo del territorio».

Scuola, Caldoro (FdI): «I numeri di Bianchi smentiscono De Luca»

«Il ministro all’Istruzione Bianchi ha fornito i dati per tutte le regioni sulle percentuali degli studenti che stanno frequentando in presenza le scuole. La media italiana è l’88,4%, la regione Campania è sopra la media nazionale nonostante la narrazione del terrore del presidente De Luca e del suo assessore al ramo». Lo afferma in una nota Alessandra Caldoro, componente del direttivo di Fratelli d’Italia a Napoli.

«Ancora una volta – sottolinea – arriva una prova che la scuola non è colpevole. La narrazione del terrore che le scuole aperte facciano salire i contagi è ancora una volta smentita. I numeri forniti dal ministro Bianchi sono molto incoraggianti e la strada da seguire è quella di mantenere più studenti possibile in classe in sicurezza. De Luca dovrà cercare un capro espiatorio al di fuori delle aule scolastiche».

«L’invito è che chieda ai suoi sindaci di ritirare le ordinanze di chiusura delle scuole. In troppi comuni della Campania ai giovani cittadini è negato il diritto allo studio e alle loro famiglie un servizio essenziale. La scuola è scuola solo in presenza, se ne faccia una ragione il presidente della regione» conclude l’esponente di FdI.

Commissione Trasparenza, Bianca D’Angelo presidente

La commissione consiliare Trasparenza del Comune di Napoli si è riunita oggi pomeriggio nella sede di via Verdi. Presieduta dalla presidente del Consiglio comunale, Vincenza Amato, la commissione ha eletto come presidente la consigliera del Gruppo Maresca, Bianca D’Angelo. La candidatura è stata avanzata dalla capogruppo di Forza Italia, Iris Savastano, a nome delle opposizioni di centro destra. Hanno votato per Bianca D’Angelo 5 consiglieri: Nino Simeone (Napoli Libera), Iris Savastano (Forza Italia), Giorgio Longobardi (Fratelli d’Italia), Rosario Palumbo (Cambiamo!), e la stessa D’Angelo. Si sono astenuti i consiglieri Pasquale Esposito (PD) Fulvio Fucito (Manfredi Sindaco), Massimo Pepe (Azzurri Noi Sud Napoli Viva), Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde), Salvatore Consiglio Lange (Misto).

Leggi anche...

- Advertisement -