Stylo24 vi accompagna nelle strade e tra i quartieri più caratteristici della città – Una delle zone più frequentate dai giovani, ma anche un luogo pieno di storia e cultura.

di Francesca Esposito

Piazza Bellini è situata sul decumano maggiore di Napoli. Una delle zone più frequentate dai giovani della città per il cospicuo numero di locali che si affacciano sulla stessa piazza.

ad

C’è ampia scelta:

-il Caffè letterario, luogo intellettuale per antonomasia
-Eva Luna, bar e centro per manifestazioni ed iniziative dedicate alle donne
-Un Sorriso Integrale, ristorante specializzato in cucina vegetariana e non solo
Un pezzo della città dove antichità e modernità si fondono in un tutt’uno.

Punto di ritrovo anche per studenti dell’Erasmus, provenienti da ogni parte del mondo, che la sera rendono la piazza un luogo dove si incontrano diverse razze, culture e tradizioni.

Circondata da numerose sedi universitarie e molto vicina all’Accademia di Belle Arti ed al Conservatorio di San Pietro a Majella, dove vi studiarono importanti compositori nazionali tra cui Vincenzo Bellini, dal quale la piazza prende il nome.

Luogo magico, dove passando sotto le finestre di questo imponente edificio si possono ascoltare le voci soavi degli studenti, accompagnate da suoni di diversi strumenti. Splendidi palazzi monumentali dei secoli XVI e XVII contornano la piazza. Un esempio è rappresentato dal Palazzo Castriota Scanderberg.

E’ anche possibile ammirare alcuni resti delle mura della Neapolis greca. Si trovano oggi al di sotto della pavimentazione della piazza, almeno di 3 metri, e purtroppo, non godono di un buono stato di conservazione a causa dell’erosione e della notevole presenza di vegetazione.

Qualche anno fa, grazie all’intervento di volontari e restauratori, le mura sono state ripulite.

“Il regno di Bellini è tutto nell’indefinito sentimento, nella malinconia congenita della vita. L’amore e il dolore, argomenti perpetui di ogni arte, ricevono da lui un’espressione profondamente e sostanzialmente musicale.”(Mario Rapisardi)