Il Tar conferma: scuole aperte in Campania

È stato presentato un ricorso e sono stati chiesti i danni alla Regione

È stato depositato al Tar un ricorso avverso la Regione Campania in cui si chiede la riapertura delle scuole del primo ciclo. Il ricorso è stato presentato nella giornata di ieri ed è sostenuto da “Pillole di Ottimismo”, dal coordinamento Scuole Aperte e da pediatri, psichiatri infantili e psicologi campani. Ad oggi in Campania la didattica in presenza è prevista esclusivamente per gli alunni della scuola dell’infanzia e per quelli delle classi prima, seconda e terza elementare.

Il ricorso – spiegano i promotori – «nasce sulla scia del ricorso per l’apertura delle scuole superiori in Lombardia, già accolto dal Tar. Il ricorso contiene la richiesta di risarcimento danni, verso la Regione Campania, a tutela di alcuni bambini che frequentano diverse classi delle elementari e delle medie, ancora escluse dalla didattica in presenza, ormai da quasi un anno». I promotori dell’iniziativa legale evidenziano che «anche l’ultimo lavoro dell’Istituto Superiore della Sanità e il parere del Cts vanno nella direzione sostenuta da tempo da Pillole di Ottimismo: non ci sono evidenze scientifiche che la chiusura delle scuole contenga la diffusione del virus e inoltre, tenere le scuole chiuse incide drammaticamente sulla salute psico-fisica e, conseguentemente, sul futuro degli studenti e della comunità tutta».

ad

Pillole di Ottimismo ribadisce che «le restrizioni e le aperture devono essere sempre misurate in modo che la nostra nazione mantenga un equilibrio tra i famosi due scogli: il virus e i danni alla salute, sociali ed economici dovuti a chiusure prolungate».