lunedì, Novembre 28, 2022
HomeNotizie di CronacaL'avvocato della donna che lasciò morire la figlia: «Picchiata in carcere»

L’avvocato della donna che lasciò morire la figlia: «Picchiata in carcere»

Alessia Pifferi è stata arrestata il 21 luglio scorso

Alessia Pifferi, la donna arrestata il 21 luglio con l’accusa di aver lasciato morire di stenti la figlia, la piccola Diana di 18 mesi, sarebbe stata malmenata nel penitenziario dove è ospitata. Lo ha affermato il suo avvocato Solange Marchignoli a a Corriere Tv.

«Conduce la sua in vita in carcere in isolamento. L’unica volta che non era isolata l’hanno menata, per cui è anche meglio che stia in isolamento» ha affermato. Secondo il suo raccoto la 36enne stava cercando di raggiungere una suora, in carcere, ma mentre si trovava sui gradini da sola altre detenute l’hanno presa per i capelli, schiaffeggiata e picchiata.

Articoli Correlati

- Advertisement -