Il blitz.

Nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di Napoli per il contrasto al lavoro sommerso e il rispetto delle norme sui luoghi di lavoro, i Carabinieri di Nola e San Paolo Belsito (nel Napoletano) insieme al Nucleo Ispettorato del lavoro di Napoli e al personale dell’Asl Na 3 Sud hanno eseguito verifiche in di due ditte edili.

Al responsabile della prima è stata contestata una sanzione di 3mila euro perché nel suo cantiere 2 lavoratori non indossavano il casco protettivo e non avevano effettuato la visita medica preventiva prevista dalla legge.

ad

Diversa la situazione del secondo titolare, un 32enne incensurato. I carabinieri hanno trovato nel suo cantiere due lavoratori che non avevano effettuato la visita medica preventiva periodica né avevano ricevuto la formazione dei dipendenti sui rischi sui luoghi di lavoro. Uno di questi è risultato anche “in nero” e beneficiario del reddito di cittadinanza. Salata la sanzione amministrativa: ben 6mila e 300 euro mentre l’attività è stata sospesa.