Luigi Di Maio

L’ex compagno di scuola del ministro degli Esteri si siede nel consiglio di amministrazione.

Continuano le nomine in ruoli importanti (e ben pagati) degli ex compagni di scuola del ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Da sempre, come il M5s, paladino della lotta a qualsiasi forma di poltronificio, ieri ha visto un ulteriore amico piazzarsi sulla poltrona di consigliere di amministrazione di Leonardo. Si tratta di Carmine America (con lui Alessandro Profumo e il generale Luciano Carta). Lo stesso già premiato dall’ex capo politico dei grillini, con un ruolo di consulente al ministero dello Sviluppo economico nel primo governo Conte e poi proprio al ministero degli Esteri come “Esperto di questioni internazionali, sicurezza e difesa”.

Nel suo nuovo ruolo, guadagnerà un compenso fisso di 80mila euro l’anno, ai quali vanno aggiunti i gettoni di presenza, compensi ad hoc, che dovrebbero far arrivare la remunerazione a circa 100mila euro annui.

ad

Va ricordato che l’incarico di America alla Farnesina, resterà tale fino al “termine del mandato governativo”. Ovvero fino a quando Di Maio sarà il ministro degli Esteri, il suo ex compagno di Liceo continuerà a essere pagato dallo Stato 80mila euro lordi l’anno. Grazie al suo ruolo fondamentale nel consigliare strategie internazionali in tema di sicurezza e difesa. In poche mosse, un raddoppio di stipendio mica male.

A completare il quadro, c’è il sentore (anche bello forte) di un conflitto di interessi, considerato che il suocero di Carmine America ha una ditta, la ArTer srl di Castello di Cisterna, che è fornitrice, guarda un po’, proprio di Leonardo.