I pm Antonino Ingroia e Nino Di Matteo

di Giancarlo Tommasone

Il professore Luigi Labruna, luminare di Diritto romano, è intervenuto con un editoriale su la Repubblica Napoli, in cui ha affrontato la questione della trattativa Stato-mafia. Ha spiegato il professore che, al momento, appare impossibile esprimere un giudizio sulla sentenza e che occorrerà aspettare le motivazioni. E nemmeno allora, sarà semplice. Labruna ha tenuto a sottolineare come la trattativa in sé non rappresenti un reato, tanto è vero che vi si ricorre apertamente per dissuadere sequestratori o terroristi. Ma allora, si chiede il professore, quali siano le colpe addebitate agli imputati dalla Procura. Che, sottolinea, ispirata dai pm Antonio Ingroia e Nino Di Matteo ha addebitato a questi ultimi di essere “la cinghia di trasmissione” per portare ai massimi organi dello Stato le richieste del presunto “papello”.

ad
Il professor Luigi Labruna

Documento, che però nessuno ha mai trovato, anche se tutti i pentiti ne parlano. Nessuna delle richieste del “papello” fu accolta, ma c’è la questione del guardasigilli di Ciampi, Conso, che decise di non rinnovare a un gruppo di circa trecento mafiosi, il regime del 41 bis.

Labruna si sofferma sul comportamento del pm Di Matteo, ora alla Dia, che scrive il professore: “Ostenta vicinanza a un partito quasi vincitore alle elezioni (Movimento 5 Stelle, ndr) e ha attaccato pubblicamente Csm e Anm per non averlo difeso”. La trattativa, dunque, torna ancora sotto i riflettori, e non finirà di rimanervi.
Il nodo della questione è rappresentato dalla mancanza di mandanti, perché se è vero che vengono condannati i militari del Ros, è altrettanto vero che Calogero Mannino e Nicola Mancino siano stati assolti. E loro erano stati accusati proprio di essere i mandanti della trattativa.