mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeCultura«La stella spezzata», l'amicizia oltre la guerra nel romanzo di Mario Falcone

«La stella spezzata», l’amicizia oltre la guerra nel romanzo di Mario Falcone

Stylo24 ha intervistato Mario Falcone, scrittore e sceneggiatore di successo, che ha presentato il suo ultimo romanzo «La stella spezzata».

Cosa succede quando il tuo mondo si sgretola pezzo dopo pezzo? Quando ogni tua certezza si dissolve? Come resistere quando tutto cerca di spezzarti? È l’estate del 1938 e Marco e Gioele, dodici anni, amici e compagni di banco, stanno per scoprirlo. In gita a Tivoli con le rispettive famiglie, i Cortini e gli Anticoli, fiutano qualcosa di strano nell’aria: i loro papà, Antonio e Davide, si conoscono dai giorni bui della disfatta di Caporetto e sono sempre stati molto affiatati, ma adesso se ne stanno in disparte, parlano sottovoce, sembrano preoccupati.

Nuove ombre minacciano l’Europa, l’Italia e le loro vite. A settembre l’entrata in vigore delle leggi razziali volute da Mussolini cambierà per sempre la loro quotidianità, soprattutto quella degli Anticoli. Il loro negozio di stoffe al Ghetto verrà chiuso e Gioele e sua sorella Magda saranno costretti a lasciare la scuola e abbandonare le loro abitudini. Tra il quartiere Regola e piazza in Piscinula, passando per l’isola Tiberina, lo scorrere implacabile del Tevere si fa testimone della storia delle due famiglie che si srotola in parallelo ai fatti della Storia fino al 1946: i ragazzi dovranno crescere in fretta, bruciare le tappe, provare sulla loro pelle cosa significa amare, soffrire, lottare. Comprenderanno che spezzarsi non significa perdere: l’amicizia sarà la loro cura.

Tutto questo e molto altro è “La stella spezzata”. Romanzo del quale Stylo24 ha avuto modo di parlare con l’autore, Mario Falcone, scrittore di romanzi di successo quali “La licenza”, “Nero di Siena”, “Manuela”, ma anche uno degli sceneggiatori italiani più noti, che ha firmato alcune delle fiction televisive più note – Padre Pio, Ferrari, La Guerra è finita, De Gasperi, l’uomo della speranza, Einstein, Francesco – e vinto numerosi premi nazionali e internazionali.

“Nasce come un romanzo per i ragazzi dai 10 ai 13 anni, poi in corso d’opera ci siamo accorti che è diventato un crossover, che anche gli adulti possono leggere per il tipo di storia raccontata”. Una storia “d’amore, di amicizia e di resilienza” la cui idea ha preso il via a tavola. “Il libro nasce durante un pranzo al ghetto ebraico di Roma, più di un anno fa, con la mia amica Tea Ranno, grande scrittrice, alla quale raccontavo di questa storia che avrei dovuto mettere su carta per la sceneggiatura di un film per la televisione in occasione del Giorno della Memoria. Poi il progetto non è più andato a termine, ma il materiale e l’idea mi sono rimasti. Ed è stata proprio Tea a invogliarmi a trasformare tutto in un romanzo. Inizialmente non ero convinto, ma poi ho pensato che la storia avrebbe potuto funzionare vista dagli occhi dei bambini. E così è stato“.

Una storia dietro la quale, proprio per la delicatezza degli argomenti trattati, c’è stato un grande lavoro. “E’ doloroso nella misura in cui ti rendi conto che anche se non è direttamente colpa tua, in realtà lo è. Inutile nascondersi, molti italiani, dopo la promulgazione delle leggi razziali si sono voltati dall’altra parte. E a pagare uno dei conti più salati sono stati fin da subito i bambini, espulsi dalle scuole e allontanati dai loro amici”.

Amicizia che, secondo Falcone, “è il sentimento più importante della nostra vita. Anche più dell’amore. Si tratta del propellente che ci serve per vivere”.

VEDI L’INTERVISTA COMPLETA A MARIO FALCONE

IL ROMANZO

Autore: Mario Falcone
Editore: Kalós
Anno edizione: 2022
In commercio dal: 30 novembre 2022
Pagine: Brossura
EAN: 9791280198402

Articoli Correlati

- Advertisement -