martedì, Dicembre 7, 2021
HomeInchieste e storia della camorra«La pistola? E’ per difesa personale, sono un camorrista»

«La pistola? E’ per difesa personale, sono un camorrista»

I retroscena dell’inchiesta Domino bis, il ruolo dell’affiliato deputato a punire i pusher che non rispettavano le regole

Tra le 27 persone indagate nell’ambito dell’inchiesta Domino bis (la cui relativa operazione ha portato a 16 arresti), c’è anche Antonio Longobardi, raggiunto da misura cautelare in carcere. Nell’ordinanza a firma del gip Fabrizio Finamore, viene ricostruito il ruolo dell’affiliato ai D’Alessandro, di Castellammare di Stabia.

Secondo quanto è stato accertato, grazie ad attività di indagine e alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, «Longobardi (anche detto Ciccillo) gestiva la piazza di spaccio nel cosiddetto Rione Cicerone (…) e successivamente è risultato essere stato affiancato (su disposizioni di Sergio Mosca, vertice dell’organizzazione di Scanzano, ndr) nell’intera gestione del settore del narcotraffico, all’indomani dell’arresto, per estorsione», di due affiliati del clan D’Alessandro.

Per investigatori e inquirenti – la circostanza si evince anche dal corpus di intercettazioni -, Ciccillo era anche il soggetto incaricato dal clan, di punire «i pusher recalcitranti e riottosi verso gli ordini impartiti dall’alto della “cupola” (…) è anche risultato essere il “braccio armato” della consorteria criminale in oggetto (i D’Alessandro, ndr)». Infatti, arrestato per possesso illegale di arma da fuoco, tenne a spiegare alle forze dell’ordine che la portava con sé per difesa personale.

La scusa addotta da Antonio Longobardi? «“Sono un camorrista, e porto la pistola perché temo di essere obiettivo dei clan rivali”», è riportato nero su bianco nell’ordinanza. In particolare, si riferiva all’organizzazione criminale «nemica» dei Cesarano (storicamente attiva nella zona di Ponte Persica, e nell’area a cavallo tra Castellammare e Pompei). Longobardi, dunque, nell’occasione in cui fu fermato, giustificò il possesso di arma, con la necessità di difendersi da un eventuale agguato contro la sua persona.

Leggi anche...

- Advertisement -