L’uomo era andato in Colombia sulle sue tracce  

Dopo l’assoluzione dall’accusa di avere maltrattato la moglie, nel frattempo fuggita in Colombia insieme con i suoi figli senza avere il permesso delle autorità italiane, si è recato nel Paese sudamericano per rivederli dove ha scoperto che lei non c’era e che la ex li aveva lasciati alla sorella. L’uomo, Vincenzo Fierro, napoletano di 53 anni il prossimo febbraio, appena tornato in Italia dal Sud America si è subito recato dai carabinieri per denunciare la madre dei suoi figli, definendosi vittima di una «sottrazione di persone incapaci».

«Non ritengo giusto – ha detto l’uomo – che dopo avermeli strappati rivolgendomi false accuse, ed essere fuggita all’estero, probabilmente con documenti falsi, abbia addirittura affidato i miei bambini alla sorella. Mi ha anche accusato di non rispettare gli accordi di mantenimento, ma io consegno mensilmente 400 euro a fronte dei 300 euro dovuti su decisione delle autorità italiane».

ad

 Il Tribunale di Napoli Nord che lo scorso luglio l’ha assolto dall’accusa di maltrattamenti, nelle motivazioni rese note all’inizio di dicembre 2020, dopo averlo riabilitato ha anche sollevato dubbi sulle modalità che hanno consentito alla ex di Vincenzo di espatriare mentre era in corso il processo, addirittura in mancanza di una sentenza di separazione. Vincenzo Fierro, lo scorso 21 luglio, subito dopo l’assoluzione, lanciò un appello attraverso il suo legale Sergio Pisani: «Aiutatemi a farmi rivedere i miei figli».