La circostanza emerge dall’inchiesta anticlan che ha messo nel mirino le cosche a Portici e a San Giorgio a Cremano

Si commentano da sole le parole di minaccia rivolte, secondo l’accusa, da Paolo De Mato (uno degli indagati coinvolti nell’operazione anticlan, portata a termine nelle scorse ore tra Portici e San Giorgio a Cremano) a un promotore finanziario. «Se non paghi, ammazzo tua moglie davanti a te e poi ti sparo», questa la frase terribile, indirizzata al professionista che, per gli uomini del clan Vollaro di Portici, avrebbe dovuto versare nelle casse dell’organizzazione criminale, una estorsione da 20mila euro. La circostanza, riportata dal quotidiano Il Roma, è contenuta nei faldoni dell’inchiesta, scaturita nel blitz anticamorra delle scorse ore (una quindicina le persone coinvolte).