A sinistra il boss Francesco Mallardo, a destra il padrino Michele Zagaria

Le mire dei due clan sulla zona di Lago Patria e il tentativo di uccidere Vincenzo Zagaria

A un passo dalla guerra tra i Mallardo e i Casalesi. Lo racconta il pentito Domenico Bidognetti in un interrogatorio datato 21 gennaio 2009. Motivo del contendere? Il controllo della zona di Lago Patria. Dove coltivava “interessi” anche Vincenzo Zagaria. Inevitabile lo scontro tra le due fazioni.

“Dovetti intervenire io in qualità di reggente del gruppo Bidognetti in tantissime occasioni per redimere le controversie fra i personaggi in oggetto. In particolare i Mallardo volevano uccidere Zagaria , e fra loro era sorta anche una controversia per interessi divergenti sulla fornitura di calcestruzzi al Lago Patria”. Spiega il pentito più in particolare: “Zagaria era molto scaltro e riusciva ad ottenere subito anticipando sul tempo i Mallardo l’aggiudicazione dei lavori edili ad imprese a lui collegate. Chiaramente i Mallardo non potevano sopportare questi comportamenti e pertanto avevano deciso di ammazzare Zagaria, e chiesero a me il consenso”. L’ex boss del clan Bidognetti spiega di essersi rifiutato “di prestare questo consenso e salvai la vita a Zagaria Vincenzo, anche se alcuni miei sottoposti come Luigi Diana e Aniello Bidognetti appoggiavano la decisione” di eliminare il fratello del boss Michele Zagaria. “Addirittura Aniello Bidognetti e Luigi Diana, in un’occasione nel 1994 o 1995, mi proposero di prestarmi a convocare Vincenzo Zagaria per portarlo a Giugliano al cospetto di Peppe Mallardo”: un trucco per ammazzarlo. Ancora una volta, aggiunge il collaboratore di giustizia, “non mi prestai a questa richiesta”. “Gli parlai insieme a Walter Schiavone a casa di quest’ultimo e gli dissi che doveva un po’ mollare la zona di Lago Patria malgrado i suoi fratelli avessero interessi commerciali in quella zona”. Dopo una iniziale resistenza, “Zagaria fece un passo indietro ed accettò che le sue imprese che lavoravano a Lago Patria pagassero la tangente ai Mallardo, anche se con un occhio di riguardo”, poiché ottenne uno sconto.

ad