Introduce Massimo Biscuso, presidente dell’IISF

di Francesca Iervolino

Oggi, 31 ottobre 2019, alle ore 16.30 presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Via Monte di Dio, 14), si terrà la presentazione della nuova edizione del volume di Ernesto De Martino, “La fine del Mondo”, edito Einaudi nella collana “piccola biblioteca nuova serie”. Introduce Massimo Biscuso, presidente dell’IISF; durante l’incontro interverranno inoltre Carlo Bonadies (Giulio Einaudi Editore), Domenico Conte (Università di Napoli “Federico II”), Marcello Massenzio (Associazione Internazionale Ernesto De Martino) e Marcello Mustè (Sapienza Università di Roma).

Il Libro

Un libro che va ormai annoverato tra i classici del pensiero europeo contemporaneo. La presente edizione offre numerosi elementi di sostanziale novità rispetto a quella pubblicata da Einaudi nel 1977, e consente ai lettori di gettare nuova luce sul capolavoro del grande studioso”. Il lavoro collegiale di valutazione critica dei materiali preparatori dell’ampio saggio rimasto incompiuto si è proposto di far emergere in tutta la sua portata un pensiero complesso, situato al punto d’incrocio tra antropologia, filosofia e storia, in cui convergono stimoli intellettuali di varia provenienza, rielaborati dall’autore in modo del tutto personale. A tale scopo i tre curatori hanno deciso sia d’inserire nel testo una selezione degli scritti filosofici piú rappresentativi, non presenti nell’edizione italiana, sia di porre in risalto i nessi strutturali tra le varie sezioni in cui si articola il progetto dell’opera: ciò ha comportato la revisione dell’intera architettura del volume, nel rispetto delle intenzioni dell’autore. Alla base dell’indagine sulle diverse declinazioni storiche del tema della «fine del mondo» vi è il bisogno di fare luce sul presente della civiltà occidentale, attraversata da una crisi che sembra corroderne le fondamenta dall’interno, avviandola verso un assai probabile declino. De Martino s’interroga sulle motivazioni profonde di questo complesso fenomeno, volgendo lo sguardo alla psicopatologia, alla filosofia, all’arte e alla letteratura. Lo studioso affronta una serie di nodi cruciali, che vanno dal senso di «spaesamento» dell’uomo d’oggi allo sfaldamento della memoria storica, in cui sono sedimentate le scelte culturali che contraddistinguono una determinata civiltà. (IBS.it)

L’Autore

Ernesto De Martino (Napoli 1908 – Roma 1965), filosofo e antropologo italiano, ha rinnovato profondamente gli studi antropologici e storico-religiosi. Tra le sue opere piú note: Il Mondo Magico (Bollati Boringhieri), Morte e pianto rituale (Bollati Boringhieri), Sud e Magia (Feltrinelli), La Terra del Rimorso (il Saggiatore), Furore, Simbolo, Valore (Feltrinelli) e La fine del mondo (Einaudi).