Rossella Schettino, Francesco Schettino e Stefano Pizza

L’affondo su Facebook: oggi i giornali, ci informano che le chat tra Luca Palamara e Stefano Pizza sono state acquisite agli atti per un caso di presunta corruzione

Sceglie Facebook, Rossella Schettino, figlia del comandante della Concordia, Francesco (in carcere per la tragedia dell’isola del Giglio), per scagliarsi contro il pm Stefano Pizza, coinvolto nel caso Palamara.  «Il caso Palamara tra processi arrangiati, stampa manipolata e magistratura corrotta, travolge anche l’ex sostituto procuratore di Grosseto nel caso Costa Concordia, Stefano Pizza. Lo ricordate Pizza? Io lo ricordo benissimo. Quello che disse di mio padre che era “un incauto idiota”. Quello che nella requisitoria finale disse: “Dio lo perdonerà, io no”. Quello che disse che c’era pericolo di fuga e che per ben due volte domandò al Tribunale delle Libertà di Firenze la detenzione preventiva. Vi immaginate quanto possa essere ridicolo asserire che vi fosse pericolo di fuga sulla base del fatto che mio padre parla correttamente più lingue e che ha amicizie in vari paesi del mondo? Pizza forse non aveva capito che faceva il comandante di navi da crociera e che forse conoscere le lingue era indispensabile per ricoprire quel ruolo (…) Oggi i giornali, ci informano che le chat tra Luca Palamara e Stefano Pizza (pubblicate da La Veità, ndr) sono state acquisite agli atti per un caso di presunta corruzione ed emerge la volontà e il disegno di  screditare il pm Ciavattini», scrive Rossella Schettino sul proprio profilo Facebook.

Riproduzione Riservata