martedì, Novembre 29, 2022
HomeNotizie di CronacaLa faida di Ponticelli non si placa: attacco bombarolo contro il clan...

La faida di Ponticelli non si placa: attacco bombarolo contro il clan De Micco

Ordigno ad alto potenziale esplode davanti casa del noto pregiudicato, feriti due innocenti. Fari puntati sul clan De Luca Bossa dopo l’omicidio di Salvatore De Martino

di Luigi Nicolosi

I venti di faida tornano a dilaniare la periferia est di Napoli. Dopo il recente omicidio di Salvatore De Martino, uomo vicino al clan De Luca Bossa del Lotto 0, e l’arresto di un commando armato di mitra avvenuto pochi giorni fa, un nuovo inquietante episodio è avvenuto nel quartiere Ponticelli. Ieri sera, intorno alle 9,30, ignoti hanno piazzato un ordigno davanti alla palazzina di via Luigi Piscettaro in cui vive un pregiudicato della zona ritenuto dagli inquirenti affiliato al temibile clan De Micco. Lo scoppio è stato così potente da danneggiare le finestre di un’abitazione al piano terra: le schegge hanno ferito, per fortuna in maniera lieve, una donna e il figlio minorenne, entrambi estranei a vicende criminali.

Sull’accaduto indaga adesso la polizia di Stato che già ieri sera ha provveduto, una volta eseguiti i rilievi tecnici di routine, ad ascoltare gli inquilini dello stabile. Gli investigatori non hanno alcun dubbio circa il movente di stampo mafioso. L’attentato sarebbe dunque da ricondurre alla feroce guerra che ormai da mesi vede contrapporsi i clan De Luca Bossa-Minichini e De Micco-Da Martino. Proprio il primo cartello, come emerso da alcune recenti indagini, ha già dimostrato di fare ampio ricordo all’uso di ordigni artigianali per intimidire i nemici e anche in questo caso la firma del raid sarebbe quella della cosca con base nel Lotto 0, ma ormai egemone in gran parte del quartiere. La conferma sembra arrivare dal fatto che nella palazzina danneggiata ieri sera vive un noto pregiudicato considerato vicino al gruppo De Micco, il cui reggente è tra l’altro da pochi mesi tornato di nuovo a piede libero.

Articoli Correlati

- Advertisement -